Pubblicità

depressione,ansia,malessere (43400)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 264 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giacomo, 20anni (24.9.2001)

Gentili dottori,
E' gia da un po' di tempo che soffro di questo malessere.Credo sia iniziato tutto una notte(4 anni fa) prima di fare un viaggio:mi sono sentito male ho rimesso tutto quello che avevo mangiato,ma la cosa allucinante e che dopo aver rimesso sono continuato a stare male,fin quando non mi sono addormentato.Questo disturbo era dovuto credo a dei pensieri che avevo e che ora non ricordo precisamente o forse ero semplicementi eccitato e ho ricollegato le mie sensazioni ai pensieri,non lo so!! Da allora non ho avuto pace per me e diventata come un ossessione, cercavo di capire cosa mi era successo(anche in viaggio),come se avessi scoperto un mondo nuovo piu' brutto anzi proprio brutto.Ma dico puo' da un viaggio scaturire tutto sto' casino, mma.Comunque il problema non è quello,o meglio: ancora oggi soffro di questi disturbi.Grazie a dio non vomito piu', forse perchè il mio organismo si è abituato.
Pero' in compenso mi sento depresso.E anche fino a qui credo sia anche normale essere un po' depresso daltronde alcuni miei amici lo erano ma per quanto riguarda loro è una cosa caratteriale cioè sono nati cosi', io no il mio carattere non è questo,io ero piu' felice una volta,facevo quello che mi piaceva ora e come se volessi pensare a quello che non mi piace per scoprire una verita' nascosta e che solo io riesco a capire.Molti mi dicono di parlarene di confrontarti con gli amici ma io se mi accorgo che pure loro hanno questa cosa mi metto paura ancora di piu'.
Vi convesso che se prima avevo un po di fiducia nella psicologia, ora no.Perche' credo che sia solo un modo per scappare dai propri problemi.Uno dei pensieri piu' brutti che mi sia potuto capitare e quello di leggere da qualche parte di questa persona si era uccisa per depressione o altro, allora dato che mi sentivo depresso ho cominciato a pensare che pure io potevo farlo,ma io non potevo farlo.Non so piu' che dirvi anche se ci sarebbero tante cose da dire.Ho provato a fare il test ed è uscito:ansia 49(medio) - depressione61(medioalto).Un ultima cosa una volta ho letto un introduzione di un libro che parlava di depressione e ho avuto ansia,poi c'ho continuato a pensare e la coas peggiorava perchè come si fa a non essere depressi se abbiamo molti limiti?la risposta potrebbe essere distraendosi, si ma cosi' e come scappare dai propri problemi.Certo sarei piu' tranquillo se questi fantasmi che mi sono creato non esistessero cioè'se la mia depressione derivasse da uso eccessivo di cortisone ad esempio .
Cmq ho vari pensieri che mi danno questi disturbi.Non credo di poterli battere perchè credo rappresentino la realta, con le sue contraddizioni ecc.
Ps:Una volta ogni tanto bevo un bicchierino di troppo,non ci trovo niente di male,ma se uno lo fa perchè la realta non gli piace allora li si che c'è ne è di male.A 15 anni ho anche fumato piu' volte della marjuana non vorrei fosse stata quella ma cmq è passato troppo tempo!
Non mi riesco a capacitare perchè la gente soffre di queste cose.Spero voi riusciate a darmi una mano.
Vi ringrazio.

Caro Giacomo,dalla tua lettera mi sembra di cogliere uno stato di malessere piuttosto diffuso ma vago, incerto, non chiaramente inquadrabile in un disturbo preciso. Sicuramente vivi uno stato di ansia e di tensione per la continua preoccupazione di avere un qualche disturbo mentale ( depressione o altro) ed è forse questo il problema principale, quello di pensare a tutti i costi di avere un problema psichico e di autoconvincersene. Accenni alla depressione, ma non è chiaro quali sintomi provi. La depressione è un disturbo molto preciso, con tutta una serie di sintomi che vanno dall’apatia, all’abulia, alla mancanza di appetito,al risveglio precoce la mattina, ecc.. e non riesco a capire se li hai o no.
Può anche essere che tu viva qualche sbalzo d’umore che non è necessariamente riconducibile ad un disturbo mentale, anzi è abbastanza comune alla tua età. Per quanto riguarda il consumo di marjuana, non penso proprio che sia responsabile di quanto tu vivi adesso. Diverso è il discorso dell’abuso di alcool , che potrebbe essere indice di un malessere tuttora presente.
Il mio consiglio è di rivolgerti al tuo medico di base, affinché faccia innanzitutto una diagnosi precisa, dopodiché si potrà valutare l’intervento più adeguato.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

La cronicità di una depression…

Arianna, 46 anni     Buongiorno, ho una lunga storia pregressa di disturbo depressivo (con lieve dissociazione), di cui 16 anni inclusivi di di...

Attacchi di Panico (1575078292…

helga, 48 anni     Soffro di attacchi di panico incontrollabili, ansia incontrollabile e angoscia crescente e costante. Paura incontrollabile...

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Area Professionale

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Le parole della Psicologia

Transfert

Il transfert è uno dei concetti maggiormente dibattuti in psicologia ed indica il Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce prop...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

News Letters

0
condivisioni