Pubblicità

depressione,ansia,malessere (43400)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 325 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giacomo, 20anni (24.9.2001)

Gentili dottori,
E' gia da un po' di tempo che soffro di questo malessere.Credo sia iniziato tutto una notte(4 anni fa) prima di fare un viaggio:mi sono sentito male ho rimesso tutto quello che avevo mangiato,ma la cosa allucinante e che dopo aver rimesso sono continuato a stare male,fin quando non mi sono addormentato.Questo disturbo era dovuto credo a dei pensieri che avevo e che ora non ricordo precisamente o forse ero semplicementi eccitato e ho ricollegato le mie sensazioni ai pensieri,non lo so!! Da allora non ho avuto pace per me e diventata come un ossessione, cercavo di capire cosa mi era successo(anche in viaggio),come se avessi scoperto un mondo nuovo piu' brutto anzi proprio brutto.Ma dico puo' da un viaggio scaturire tutto sto' casino, mma.Comunque il problema non è quello,o meglio: ancora oggi soffro di questi disturbi.Grazie a dio non vomito piu', forse perchè il mio organismo si è abituato.
Pero' in compenso mi sento depresso.E anche fino a qui credo sia anche normale essere un po' depresso daltronde alcuni miei amici lo erano ma per quanto riguarda loro è una cosa caratteriale cioè sono nati cosi', io no il mio carattere non è questo,io ero piu' felice una volta,facevo quello che mi piaceva ora e come se volessi pensare a quello che non mi piace per scoprire una verita' nascosta e che solo io riesco a capire.Molti mi dicono di parlarene di confrontarti con gli amici ma io se mi accorgo che pure loro hanno questa cosa mi metto paura ancora di piu'.
Vi convesso che se prima avevo un po di fiducia nella psicologia, ora no.Perche' credo che sia solo un modo per scappare dai propri problemi.Uno dei pensieri piu' brutti che mi sia potuto capitare e quello di leggere da qualche parte di questa persona si era uccisa per depressione o altro, allora dato che mi sentivo depresso ho cominciato a pensare che pure io potevo farlo,ma io non potevo farlo.Non so piu' che dirvi anche se ci sarebbero tante cose da dire.Ho provato a fare il test ed è uscito:ansia 49(medio) - depressione61(medioalto).Un ultima cosa una volta ho letto un introduzione di un libro che parlava di depressione e ho avuto ansia,poi c'ho continuato a pensare e la coas peggiorava perchè come si fa a non essere depressi se abbiamo molti limiti?la risposta potrebbe essere distraendosi, si ma cosi' e come scappare dai propri problemi.Certo sarei piu' tranquillo se questi fantasmi che mi sono creato non esistessero cioè'se la mia depressione derivasse da uso eccessivo di cortisone ad esempio .
Cmq ho vari pensieri che mi danno questi disturbi.Non credo di poterli battere perchè credo rappresentino la realta, con le sue contraddizioni ecc.
Ps:Una volta ogni tanto bevo un bicchierino di troppo,non ci trovo niente di male,ma se uno lo fa perchè la realta non gli piace allora li si che c'è ne è di male.A 15 anni ho anche fumato piu' volte della marjuana non vorrei fosse stata quella ma cmq è passato troppo tempo!
Non mi riesco a capacitare perchè la gente soffre di queste cose.Spero voi riusciate a darmi una mano.
Vi ringrazio.

Caro Giacomo,dalla tua lettera mi sembra di cogliere uno stato di malessere piuttosto diffuso ma vago, incerto, non chiaramente inquadrabile in un disturbo preciso. Sicuramente vivi uno stato di ansia e di tensione per la continua preoccupazione di avere un qualche disturbo mentale ( depressione o altro) ed è forse questo il problema principale, quello di pensare a tutti i costi di avere un problema psichico e di autoconvincersene. Accenni alla depressione, ma non è chiaro quali sintomi provi. La depressione è un disturbo molto preciso, con tutta una serie di sintomi che vanno dall’apatia, all’abulia, alla mancanza di appetito,al risveglio precoce la mattina, ecc.. e non riesco a capire se li hai o no.
Può anche essere che tu viva qualche sbalzo d’umore che non è necessariamente riconducibile ad un disturbo mentale, anzi è abbastanza comune alla tua età. Per quanto riguarda il consumo di marjuana, non penso proprio che sia responsabile di quanto tu vivi adesso. Diverso è il discorso dell’abuso di alcool , che potrebbe essere indice di un malessere tuttora presente.
Il mio consiglio è di rivolgerti al tuo medico di base, affinché faccia innanzitutto una diagnosi precisa, dopodiché si potrà valutare l’intervento più adeguato.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

Trinatopia

In oculistica, è una rara forma di cecità per il blu e il violetto. E' uno dei quattro tipi di daltonismo più diffusi: Acromatopsia: deficit di visione di t...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

News Letters

0
condivisioni