Pubblicità

elaborazione lutto traumatico (153658)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 407 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Clara, 27

Gentile dottoressa,
frequento un ragazzo da sei mesi nei quali il mio iniziale interesse si è trasformato in un sentimento più profondo. Lui purtroppo ha subito un grave lutto, poichè è rimasto coinvolto senza colpa alcina in un incidente d'auto in cui era lui a condurre il veicolo in cui la sua fidanzata ha perso la vita. Sono passati 7 anni. E' per me chiaramente molto complesso affrontare il tema con lui, poichè ho una grande paura di cagionargli un dolore o riportare a galla delle emozioni che non so bene se sia lui o io a temere. Dal conto suo lui si mostra sereno sebbene non parli mai dell'accaduto che si limita a definire come"quello è il passato". Io temo che il gap comunicativo che si stà creando e l'accrescersi della mia preoccupazione personale (temo un fantasma che non conosco e di cui non sò nulla con cui non posso combattere e il cui legame non posso in alcun modo scindere)possa compromettere un intero rapporto. Di contro da donna il rinvenimento delle foto della fidanzata nel suo portafoglio mi ha profondamente ferito, con conseguente senso di tradimento subito più senso di vergogna per non essere all'altezza di comprendere ed accettare un trauma tanto orribile. La mia domanda è molto egoistica e me ne scuso: si ama per sempre una persona che ci è portata via? è corretto affrontare il tema o posso fargli del male?

Gentile Clara,
non è facile capire se  il suo ragazzo ami ancora la sua "fidanzata" o soffra di un grande senso di colpa nei confronti della vittima di un incidente nel quale era lui a guidare. Credo che effettivamente questi siano problemi del suo ragazzo, forse sarebbe meglio per lei riflettere su quanto sia per lei difficile e doloroso confrontarsi con un'altra donna, viva o morta, attuale o futura. Il dubbio che mi viene, ma non ho dati, è che lei tema di non essere adeguata, che veda fantasmi (che sovente ci sono) con i quali non si sente in grado di competere....Queste sono solo supposizioni, ma è frequente il caso in cui una donna si senta "non all'altezza....inadeguata...insufficiente....incapace di sopportare confronti...".
Se posso permettermi, le suggerirei un colloquio con uno psicoterapeuta (iscritto all'ordine degli psicologi della sua regione) per approfondire gli aspetti che riguardano lei e il  disagio suo e non focalizzare l'attenzione su quanto il suo ragazzo dice essere il "passato".
Auguri e saluti.
S. Bertini

 

(Risponde la Dott.ssa Susanna Bertini)

 

Pubblicato in data 23/05/2014

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficolta' a dimenticare [159…

Alidra82, 38 anni Gentili dottoriIl mio problema puo' sembrare molto banale, ma e' un problema che limita molto la mia vita e da cui non riesco a liberarmi...

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Test di Rorschach

Test proiettivo che consente di tracciare un profilo di personalità attraverso le risposte verbali che un soggetto fornisce a una serie di stimoli ambigui. &...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

News Letters

0
condivisioni