Pubblicità

grave depressione (42359)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 263 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

David, 31anni (25.8.2001)

Egr. Dottore, desidero un suo parere a proposito del mio problema di depressione. da circa 5 anni continuo ad oscillare tra stati di umore accettabile ed altri di profondo sconforto, i quali durano anche lunghi periodi. ho avuto la classica infanzia difficile a causa dei pessimi rapporti tra i miei genitori, un fidanzamento lungo e tormentato, difficoltà lavorative.
Ho sempre cercato di trovare in me stesso la forza per superare tutto in attesa che qualcosa mi aiutasse a cambiare stato d'animo, ma ultimamente le mie risorse si stanno esaurendo. da circa un anno penso al suicidio in modo ricorrente, e da circa 3 mesi è diventato un pensiero fisso che mi accompagna ogni giorno. ho cercato in precedenza un supporto medico ma ho capito di non voler diventare dipendente da farmaci o da sedute di psicoterapia, ed ho smesso. forse anche a causa di questo non ho relazioni sentimentali e poche amicizie. lavoro molto per dissimulare il problema, ma anche in questo campo ne risento, non riuscendo ad essere costante nel mio impegno. vivo da solo, ed a causa del mio lavoro non ho molto tempo da dedicare ad attività ricreative. Ultimamente penso sempre meno a come cercare di migliorare la mia condizione in senso generale e sempre di più a come evitare di peggiorarle. comincio a passare sempre più tempo interessandomi all'argomento ed a cercare un metodo non violento, incruento, sicuro e non doloroso per smettere di tormentarmi, e questo assorbe gran parte delle mie energie lasciandomi indifferente ed apatico alla maggior parte delle cose di ogni giorno. Anche se molto dipende da me, lei cosa mi potrebbe consigliare?
La ringrazio per l'attenzione.

Caro Davidi non mi spieghi i motivi delle tue paure circa una psicoterapia o una terapia farmacologica contro la depressione che ti affligge...dovresti invece come primo passo per risolvere i tuoi problemi cercare uno psicoterapeuta che ti dia fiducia e appunto affidarti a lui o lei con tanta voglia di cambiare il tuo stato.
A volte cominciare un rapporto terapeutico può essere difficoltoso ma ti assicuro che reimparare ad avere fiducia in un'altra persona e credere di nuovo in se stessi e nelle proprie possibilità di crescita personale e di cambiamento è un'esperienza davvero importante.
Renditi conto che il modo in cui ti senti oggi è il risultato di una serie di esperienze affettive negative che hai vissuto da piccolo e che ti hanno portato a perdere del tutto la fiducia negli altri e in te stesso. Dalla depressione si può uscire, ma si deve ricominciare a credere nella possibilità di avere rapporti umani autentici e di scambio efficace.
Ciao e auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

La cronicità di una depression…

Arianna, 46 anni     Buongiorno, ho una lunga storia pregressa di disturbo depressivo (con lieve dissociazione), di cui 16 anni inclusivi di di...

Attacchi di Panico (1575078292…

helga, 48 anni     Soffro di attacchi di panico incontrollabili, ansia incontrollabile e angoscia crescente e costante. Paura incontrollabile...

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Area Professionale

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di una pato...

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente. E' l'attribuzione di una colpa commessa da altr...

News Letters

0
condivisioni