Pubblicità

grave depressione (42359)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 308 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

David, 31anni (25.8.2001)

Egr. Dottore, desidero un suo parere a proposito del mio problema di depressione. da circa 5 anni continuo ad oscillare tra stati di umore accettabile ed altri di profondo sconforto, i quali durano anche lunghi periodi. ho avuto la classica infanzia difficile a causa dei pessimi rapporti tra i miei genitori, un fidanzamento lungo e tormentato, difficoltà lavorative.
Ho sempre cercato di trovare in me stesso la forza per superare tutto in attesa che qualcosa mi aiutasse a cambiare stato d'animo, ma ultimamente le mie risorse si stanno esaurendo. da circa un anno penso al suicidio in modo ricorrente, e da circa 3 mesi è diventato un pensiero fisso che mi accompagna ogni giorno. ho cercato in precedenza un supporto medico ma ho capito di non voler diventare dipendente da farmaci o da sedute di psicoterapia, ed ho smesso. forse anche a causa di questo non ho relazioni sentimentali e poche amicizie. lavoro molto per dissimulare il problema, ma anche in questo campo ne risento, non riuscendo ad essere costante nel mio impegno. vivo da solo, ed a causa del mio lavoro non ho molto tempo da dedicare ad attività ricreative. Ultimamente penso sempre meno a come cercare di migliorare la mia condizione in senso generale e sempre di più a come evitare di peggiorarle. comincio a passare sempre più tempo interessandomi all'argomento ed a cercare un metodo non violento, incruento, sicuro e non doloroso per smettere di tormentarmi, e questo assorbe gran parte delle mie energie lasciandomi indifferente ed apatico alla maggior parte delle cose di ogni giorno. Anche se molto dipende da me, lei cosa mi potrebbe consigliare?
La ringrazio per l'attenzione.

Caro Davidi non mi spieghi i motivi delle tue paure circa una psicoterapia o una terapia farmacologica contro la depressione che ti affligge...dovresti invece come primo passo per risolvere i tuoi problemi cercare uno psicoterapeuta che ti dia fiducia e appunto affidarti a lui o lei con tanta voglia di cambiare il tuo stato.
A volte cominciare un rapporto terapeutico può essere difficoltoso ma ti assicuro che reimparare ad avere fiducia in un'altra persona e credere di nuovo in se stessi e nelle proprie possibilità di crescita personale e di cambiamento è un'esperienza davvero importante.
Renditi conto che il modo in cui ti senti oggi è il risultato di una serie di esperienze affettive negative che hai vissuto da piccolo e che ti hanno portato a perdere del tutto la fiducia negli altri e in te stesso. Dalla depressione si può uscire, ma si deve ricominciare a credere nella possibilità di avere rapporti umani autentici e di scambio efficace.
Ciao e auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

News Letters

0
condivisioni