Pubblicità

Il grande tunnel (888888)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 96 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marina, 19 anni

Salve, le scrivo perchè ho un grave problema che mi assilla da molti mesi... un mese fa hanno scoperto i medici che ho una patologia nello stomaco che nel tempo(breve o lungo non si sa)si potrà trasformare in tumore, ma torniamo un attimo indietro...sono una ragazza giovane (19 anni) e pensavo di avere delle amicizie valide e sicure, ma qualche mese fa le basi di queste amicizie si sono frantumate, soprattutto una che durava da 13 anni! Sono stata messa dentro a un armadio come una cosa vecchia che non si può più usare! E pensare che abbiamo passato le vacanze insieme, io e queste tre mie "amiche". Qualche mese fa il mio dottore mi disse che avevo un tumore (alla fine risultato falso, in parte) andai dalle mie amiche e glielo dissi e loro reagirono girandosi e parlando di altro, rimasi allibita da quanto la mia vita era importante per loro..poi nel tempo l'amicizia tornò, fino ad oggi! Sono caduta in una depressione enorme (la mia prima depressione fu a 12 anni poi a 16 anni-c on anoressia- ed ora) ne ho parlato con queste amiche e sembrava che loro fossero con me, soprattutto la mia amica da 13 anni, ma tutto a un tratto ha smesso di parlarmi, perchè? Quando l'ho sentita l'ultima volta gli avevo detto che avevo paura di morire, avevo paura che la nostra amicizia riscomparisse ed è andata così...ora sono sola, ho i miei genitori (santi) e il mio ragazzo. Perchè vengo tanto odiata? Con la situazione che ho nel fisico non vengo capita comunque, perchè? Ho bisogno di una grande mano! La prego mi aiuti!
Distinti saluti Marina

Cara Marina, forse la tua amica non ha retto una situazione così grave e difficile. Non voglio con questo giustificarla, ma fornirti un'ipotesi sull'atteggiamento di questa persona. A volte gli esseri umani per immaturità ed insicurezza si spaventano di fronte a situazioni che sembrano loro insormontabili e scappano perché non si sentono capaci di affrontarle. Io non credo che lei ti odi, forse non sa semplicemente come comportarsi con te.
Prova a cercarla e chiedile con chiarezza come si sente rispetto a quello che le hai detto, sempre se pensi che valga la pena recuperare questo rapporto. Essendo un rapporto di vecchia data, di certo un tentativo di comunicazione va fatto. Io non so che tipo di rapporto avevate, quindi non mi è chiaro se ci fosse un reciproco appoggio e comprensione. Cerca anche le tue responsabilità nel suo allontanamento, può aiutarti a capire cosa ha provato. Se ti metti nei suoi panni, tu cosa avresti pensato? Come ti saresti sentita? A volte questo aiuta a comprendere i motivi dell'altro e i suoi limiti. Ti auguro comunque di risolvere questo problema fisico e di farti nuove amicizie.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di depressione per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni