Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Morte di una sorella (005152)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 65 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elvira, 53 anni

Egr.psicoterapeuta, ho 53 anni, e una depressione con fasi alterne dal 1989 (curata con farmaci, psicoterapia per 10 anni). Un anno e 5 mesi fa, il 19 febbraio 2004 è morta mia sorella con cui vivevo in un rapporto simbiotico totale che era il fulcro della mia vita. Io sono sposata, ho tre figli di cui uno asperger. Io vedevo mia sorella tutti i giorni, appena potevamo stavamo insieme, facevamo ogni cosa insieme ed eravamofelici perché eravamo sempre in contatto.
Abbiamo allevato i miei figli insieme che l'adorano e adesso sono distrutti.Io soffro talmente tanto, che dei giorni penso che non ce la farò a sopportare un tale carico di dolore però penso: quanto altro potrà durare? Niente mi consola, niente ha un qualche significato, tutto ciò che accade non ha senso perche lei non c'è più. Ho smesso di prendere prozac (non aveva nessun effetto), sono stata da vari psicoterapeuti, (terapia cognitiva, empatia, EMDR) ma niente fa niente e mai più tardi alcuna cosa avrà un minimo significato, o riempirà una parte infinitesimale di questo deserto di morte e solitudine in cui Ada mi ha lasciato. Rispondetemi , vi prego. Sono così sola che non ce la faccio. Grazie.

Cara Elvira, è davvero difficile accettare la morte di qualcuno, soprattutto se quel qualcuno è così importante per noi come lo è stato tua sorella per te. Inoltre il dolore intenso e naturale per questa morte va a sovrapporsi alla depressione che tu già stavi vivendo, quindi immagino quanto tu ti senta distrutta e impaurita, disperata e sola. Ti sconsiglio di smettere i farmaci antidepressivi in questo momento, io mi rivolgerei ad uno psichiatra per trovare alternative al prozac in modo che tu possa
trovare un farmaco più adatto a te. Inoltre penso che sarebbe buono per te fare un percorso spirituale per dare un "senso" a questa perdita e uno "scopo" alla tua vita.
Sai che esiste una branca della psicologia che sviluppa un discorso sull'anima? Prova a fare una ricerca su internet, troverai dei siti che ne parlano. Forse hai bisogno di percorrere strade nuove, alternative, che con gli psicoterapeuti che hai incontrato finora non sei riuscita a trovare. Penso che tua sorella vorrebbe che tu affrontassi la vita in maniera positiva e serena. Non mollare la ricerca di un benessere che puoi avere e che lei di sicuro si augurava per te. Fallo per te stessa, innanzitutto, e in ricordo dell'amore che lei ha avuto per te.

( risponde la dott.ssa Raffaella Luciani )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di depressione per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

News Letters

0
condivisioni