Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Morte di una sorella (005152)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 61 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elvira, 53 anni

Egr.psicoterapeuta, ho 53 anni, e una depressione con fasi alterne dal 1989 (curata con farmaci, psicoterapia per 10 anni). Un anno e 5 mesi fa, il 19 febbraio 2004 è morta mia sorella con cui vivevo in un rapporto simbiotico totale che era il fulcro della mia vita. Io sono sposata, ho tre figli di cui uno asperger. Io vedevo mia sorella tutti i giorni, appena potevamo stavamo insieme, facevamo ogni cosa insieme ed eravamofelici perché eravamo sempre in contatto.
Abbiamo allevato i miei figli insieme che l'adorano e adesso sono distrutti.Io soffro talmente tanto, che dei giorni penso che non ce la farò a sopportare un tale carico di dolore però penso: quanto altro potrà durare? Niente mi consola, niente ha un qualche significato, tutto ciò che accade non ha senso perche lei non c'è più. Ho smesso di prendere prozac (non aveva nessun effetto), sono stata da vari psicoterapeuti, (terapia cognitiva, empatia, EMDR) ma niente fa niente e mai più tardi alcuna cosa avrà un minimo significato, o riempirà una parte infinitesimale di questo deserto di morte e solitudine in cui Ada mi ha lasciato. Rispondetemi , vi prego. Sono così sola che non ce la faccio. Grazie.

Cara Elvira, è davvero difficile accettare la morte di qualcuno, soprattutto se quel qualcuno è così importante per noi come lo è stato tua sorella per te. Inoltre il dolore intenso e naturale per questa morte va a sovrapporsi alla depressione che tu già stavi vivendo, quindi immagino quanto tu ti senta distrutta e impaurita, disperata e sola. Ti sconsiglio di smettere i farmaci antidepressivi in questo momento, io mi rivolgerei ad uno psichiatra per trovare alternative al prozac in modo che tu possa
trovare un farmaco più adatto a te. Inoltre penso che sarebbe buono per te fare un percorso spirituale per dare un "senso" a questa perdita e uno "scopo" alla tua vita.
Sai che esiste una branca della psicologia che sviluppa un discorso sull'anima? Prova a fare una ricerca su internet, troverai dei siti che ne parlano. Forse hai bisogno di percorrere strade nuove, alternative, che con gli psicoterapeuti che hai incontrato finora non sei riuscita a trovare. Penso che tua sorella vorrebbe che tu affrontassi la vita in maniera positiva e serena. Non mollare la ricerca di un benessere che puoi avere e che lei di sicuro si augurava per te. Fallo per te stessa, innanzitutto, e in ricordo dell'amore che lei ha avuto per te.

( risponde la dott.ssa Raffaella Luciani )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di depressione per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Suicidio (1529267882787)

chopperozzi15, 14     voglio tentare il suicidio entro il 20 ...

Una relazione finita... in cli…

SammySun, 30     Salve, ho 30 anni e da un mese ho messo fine ad una relazione durata 2 anni e mezzo con un ragazzo della mia stessa età. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo...

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

News Letters

0
condivisioni