Pubblicità

Nessuna voglia di vivere (004168)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 79 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Diletta, 38 anni

Ho lasciato dopo 10 anni un marito con il quale pensavo di non condividere tutto, soprattutto l'aspetto sessuale, ormai assente completamente. Ora dopo 1 anno il mio ex marito mi dice di essere riuscito a sentirsi libero dal legame che aveva con me e questo mi fa soffrire tanto. Dovrei essere contenta per lui e forse lo sono ma sono tanto triste per me. Io dopo un anno non sono riuscita a staccarmi da lui, mi trovo in coppia con un altro compagno con il quale cerco di costruire ma non ci riesco. Non riesco a capire questo sentimento verso il mio ex marito. Provo ancora amore o è una sorta di dipendenza legata al fatto che non ho mai avuto un padre che mi amasse?
S ento di non aver più voglia di fare niente, solo di piangere. Non ho più voglia di vivere. A questo si aggiungono i sensi di colpa nei confronti anche del mio compagno attuale, di mia figlia che si è adattata ad una nuova situazione. Perchè io non riesco a vivere serena? Tiro avanti per amore di mia figlia che adoro con tutta me stessa. Mi rendo anche conto che forse non sono problemi così gravi i miei, coloro che lottano contro una grave malattia hanno il diritto di lamentarsi ma io no. Tutto si paga nella vita. Anche aver avuto una madre depressa e un padre assente. Cosa posso fare? Mi sento persa dentro questo dolore e non vedo vie di uscita. E mi sento anche tanto stanca. Grazie comunque per aver letto questo scritto.

Cara Diletta, é molto vero quello che scrivi di te e molto doloroso. Ti senti "persa in questo dolore", incapace di adattattamento alla nuova situazione (che invece é riuscito a tua figlia e, dopo un anno, anche al tuo ex-marito). Ipotizzi, forse a ragione, che il tuo passato famigliare ti segua: una madre depressa (e quindi incapace di un legame con te, presa tutta da se stessa) e un padre assente (che non c'é, su cui non si può contare, che non fa da compagno alla mamma...) un quadro classico di anaffettività o di mancato "attaccamento" possibile.
Se il marito viene a colmare questa infinita lacuna affettiva della figura paterna come é possibile che se ne vada? Un padre é per sempre. Non può abdicare mai al ruolo della genitorialità. Forse é questa la radice del vuoto che provi e che ti sembra incolmabile dal nuovo compagno. Dato che il sesso con il tuo ex marito era ormai del tutto assente e quindi la storia amorosa conclusa, non sarà possibile salvare l'amicizia, la stima, un affetto sincero per tutto quello che di buono c'é stato tra voi, compresa vostra figlia ? Quello che dura nel tempo, una volta finita la passione amororosa, potrebbero essere i bei ricordi, la gratitudine reciproca per quanto di buono ci si é scambiato, la stima, il passare con la figlia alcuni momenti genitoriali assieme (compleanni, promozioni, feste di fidanzamento, ecc). Così l'angoscia di abbandono provata potrebbe attutirsi e si potrebbe salvare il salvabile, che é molto.

( risponde il dott. Cesare De Monti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di depressione per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Sindrome da Alienazione Parent…

La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è un disturbo che insorge quasi esclusivamente durante la fase di separazione o divorzio ed aumenta quando si verific...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

News Letters

0
condivisioni