Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Non ne posso più!! (005925)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 98 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elena, 28 anni

Salve sono una ragazza di 28 anni... credo di avere dei disturbi ossessivi(ma non ne sono sicura) dopo un periodo di depressione dovuto ad una delusione amorosa, ad un periodo di tipo anoressia in cui prima non riuscivo a mangiare per il nodo in gola e poi mangiavo ma non assimilavo, ora che sto decisamente meglio dal punto di vista fisico... mi ritrovo con un continuo chiacchericcio mentale che mi tormenta con continue domande... tipo potrò mai io essere felice, fidanzata, sposata, trovare l'uomo per me, oppure guardo la tv e continuo a fare paragoni tra la mia vita e quella della gente... ogni tanto riesco a zittire tutte queste domande(e sto bene) ma mi rimane una sensazione strana nello stomaco come un sintomo che poi mi fa domandare "ma ti sei dimenticata i problemi?" e mi dico ma sono proprio bastarda con me!!!
Mi sono data anche tante buone risposte che mi hanno fatto capire che comunque sono una buona persona ma ogni tanto il "motorino" riparte magari con nuove cazzate tipo ma stai veramente bene con queste persone o no e mi frega...che palle dico io!! insomma vorrei vivere e godere di ciò che ho tranquillamente ma come si fa?? mi hanno suggerito la spicoterapia ma non vorrei finire peggio: altre mille domande e magari una vita di analisi.... non ne posso più, voglio stare bene... vi prego aiutatemi!!!

Cara Elena, la psicoterapia potrebbe essere una buona soluzione per i tuoi problemi; credo che tu abbia un po' di cose da elaborare per riuscire a ritrovare la tranquillità. Qualsiasi tipo di approccio può andare bene, ma ti consiglierei di non intraprendere un percorso troppo "mentale". Alcuni tipi di analisi lo sono e anche di psicoterapia di altro tipo.
E forse in questo momento della tua vita non hai bisogno di porti troppe domande o cercare spiegazioni, ma più probabilmente ti aiuterebbe riuscire ad accedere al tuo spazio emotivo interno in modo più diretto.
Bioenergetica, gestalt, analisi junghiana, psicoterapie di tipo esperienziale, dovrebbero fare al caso tuo.
Ricordati che i pensieri di tipo ossessivo sono una difesa: è come un loop mentale in cui ci si incastra, per non sentire ciò che nel profondo invia segnali. Se riesci ad accedere al piano inconscio con tutta probabilità non avrai più bisogno di difendertene.

( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di depressione per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Non so più che fare (153056873…

Alessia, 16     Non so più che fare, passo ogni giorno come se fossi in una bolla dove solo io sono in grado di capirmi, non si più davvero dove ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni