Pubblicità

Sbalzi umorali (166275)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 684 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alessandra, 22

D

 

 

Buongiorno Dott.ssa sono un'infermiera che da circa 3 mesi ha degli sbalzi umorali. Ho iniziato a lavorare circa un anno fa con tantissimo entusiasmo, ho accanto a me una persona fantastica con cui condividere la mia vita e il mio futuro , una vita che tende alla perfezione...
durante l anno lavorativo ho avuto alcune difficoltà relazionali con i colleghi a causa del solito "nonnismo" che si viene a creare in questi posti di lavoro fino ad avere una minaccia di licenziamento avanzata da una persona incompetente ed in pensione (dato che precedentemente faceva altro nella vita)che è stata messa li a fare da amministratore del personale.

Dopo qualche giorno dalla minaccia vado in vacanza con il mio fidanzato ed è tutto normale come sempre, quando l'ultimo giorno iniziò ad interrogarmi sulla mia relazione facendomi domande strane come ad esempio se lo amo o se è la persona giusta avendo in tutto ciò uno strano senso di depressione.
Questa cosa continua per qualche tempo e la attribuiti ad un ritardo mestruale d un mese... Cerco di combattere la situazione parlandone con il mio fidanzato, che nel frattempo Mk ha fatto una proposta di matrimonio da me tanto desiderata fino a quel momento ma quando m è stata fatta c era uno stato di apatia nell'aria,e pian piano stavo superando la situazione fino a quando qualche giorno fa un'altra problematica al lavoro che mi fa prima imbestialire e il giorno dopo piangere e ricadere in qst baratro dalla quale stavo cercando di uscire.
Adesso da giorni le solite domande, gli sbalzi umorali di euforia e di depressione, la voglia che è passata di lavorare ,l apatia che circola nell aria e io non so cosa fare...
Vorrei avere se è possibile delle risposte. Credo di essere arrivata a quello che chiamano burnout che però mi sta rovinando la vita e la personalità una volta espansiva allegra spensierata felice in una persona triste apatica e depressa. Spero mi possa aiutare nella diagnosi e nel trovare una via di fuga...

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 


R

 

Gentile Alessandra, devo dirle che il suo lavoro è particolarmente predisposto a quello che viene definito burnout, ovvero la risposta disfunzionale allo stress lavorativo che produce malessere psico-fisico influendo negativamente la qualità di vita e di lavoro del soggetto stesso. Però lei mi parla anche di “nonnismo” che però io chiamerei col termine “Mobbing” per quanto riguarda i colleghi di lavoro e “Bossing” cioè una variante del mobbing, messa in atto non da colleghi di lavoro ma da un superiore, un responsabile di azienda, o come nel suo caso da un amministratore del personale che minaccia con un licenziamento. Il Bossing, così come il Mobbing, sono forme di violenza o persecuzione psicologica, in quanto vengono messi in atto un insieme di comportamenti persecutori , manifestati sotto forma di dispetti, vessazioni, emarginazione, umiliazioni, maldicenze nei confronti di un lavoratore con l’intento di “eliminare” un collega che è divenuto scomodo, e tanto per le più svariate ragioni, per le sue capacità che destano invidia, L’obiettivo è quello di isolare la persona che si ritiene rappresenti un pericolo o una minaccia, bloccargli la carriera, incentivare il licenziamento, togliergli potere, e quindi renderlo innocuo. Anche questo tipo di situazione, porta ad un malessere psico-fisico del soggetto, il quale va ad influire negativamente sulla qualità di vita e di lavoro. Infatti la persistenza dei disturbi psicofisici porta ad assenze dal lavoro sempre più prolungate, con "sindrome da rientro al lavoro" sempre più accentuata, fino alle dimissioni o addirittura al licenziamento. Molto probabilmente il burnout ed il mobbing/bossing possono essere correlati. Infatti queste forme di violenza psicologica, portano a senso di inadeguatezza, inutilità, insoddisfazione, sensazione di essere sfruttato sul lavoro, poco apprezzato e quindi a manifestare anche sintomi psicosomatici tra i quali ansia, insonnia, depressione, disturbo dell’adattamento nonché patologie quali gastrite o ulcera e malessere generale. È probabile quindi che i suoi continui sbalzi di umore, sono dovuti proprio a queste situazioni di stress sia fisico che psicologico. Io le consiglio vivamente di parlarne con uno psicoterapeuta in modo da poter ritrovare, attraverso un percorso terapeutico, il suo equilibrio psico-fisico ed eliminare, qualora fossero esistenti, queste forme di violenza psicologica. Un saluto.


(Risponde la Dott.ssa Palumbo Potenza Ilaria)

 

Pubblicato in data 31/07/2015

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Test di Rorschach

Test proiettivo che consente di tracciare un profilo di personalità attraverso le risposte verbali che un soggetto fornisce a una serie di stimoli ambigui. &...

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

News Letters

0
condivisioni