Pubblicità

Abusi (145245)

0
condivisioni

on . Postato in Dipendenze e Abusi | Letto 459 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Annamaria 29

Buonasera chiunque Lei sia. Sono una ragazza di ventinove anni, lavoro da 10 e sono una persona tranquilla..ma qualcosa mi logora dento,un grillo,un tarlo che mi corrode lo stomaco. Una persona che non sa parlare di se, ma è in grado di ascoltare, ma ogni volta che prova a raccontare di se non riesce a farlo, un nodo le stringe la gola. Non è in grado di tirar via la sofferenza. sopporto tutto e penso di non essere mai esplosa in tutta la mia vita, ogni evento, ogni dolore è stato archiviato nel mio cuore e nella mia mente e non ne è mai più uscito. Sento che prima o poi esploderò. Le racconto qualcosa non sapendo di cosa parlo e allora mi do della matta da sola forse è tutto frutto della mia immaginazione. Avevo all'incirca cinque o sei anni, e giocavo sotto casa in un piccolo paesino, non passavano macchine era un paese piccolo e c'era un anziano signore che era molto gentile ed ogni giorno mi comprava caramelle. Quel sacchetto di plastica trasparente contenente le migliori delizie, c'erano anche quelle gialle al miele che io evitavo accuratamente, non mi piacevano proprio. Non mi dia della matta, arrivo al punto. Allora da lontano questo gentile signore mi mostrava il sacchetto pieno di caramelle tutto colorato. Non era cosi semplice averle, ne potevi prendere due, ma per averne di piu dovevi seguirlo in quel garage. ed è qui che il gioco si fa interessante. Non ricordo piu nulla, il sacchetto lo ricordo a perfezione, ma cio che accadeva li dentro per me è buio totale. Ricordo l'odore di uva marcia, di vino, era un uomo di campagna, ricordo i suoi pantaloni a costine verdi ed il suo apetto con cui andava in campagna ..e dov'è il resto dei ricordi? So perfettamente che in quel posto accadeva qualcosa ma non ricordo fino a che punto quella persona sia arrivata e continuo a covare il pensiero di non poter reagire perchè non so cosa combatto qual'è il mostro che mi perseguita. Cosa mi consiglia di fare per riuscire a ricordare quello che ho rimosso. e somprattutto e possibile rimuovere ricordi cosi impotanti.
Grazie per il suo tempo.
Grazie per la sua eventuale risposta.
Grazie di tutto.

Cara Annamaria, la nostra mente è fatta in modo tale da salvaguardarci da dolori troppo forti e da ricordi insostenibili, quindi certo che è possibile rimuovere ricordi così importanti come quelli che hai vissuto tu. Soprattutto quando si è ancora bambini non si hanno tanti strumenti a disposizione per affrontare situazioni difficili, tanto meno per far fronte ad una situazione di abuso, così la mente, per far sopravvivere la persona nasconde in profondità quegli avvenimenti fino a quando non si ha la forza di affrontarli. Penso che tu abbia tanta voglia di scoprire quello che ti è successo proprio per questo motivo ed anche per poter andare avanti nella tua vita in modo sereno. Ti consiglio di rivolgerti ad un esperto per iniziare una terapia tale da far riaffiorare i ricordi e da sostenerti nel momento che succederà. Una buona tecnica è l'ipnosi, potresti iniziare con quella. Restando a tua disposizione, ti auguro buona vita. 

 

(Risponde la Dottssa Lucilla Dionisio)

Pubblicato in data 15/11/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Abusi per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Ansia che causa senso di vomi…

1234, 20 anni Salve, è da qualche mese che certe situazioni come esami orali, uscite con ragazze e in alcuni casi feste/discoteche mi causano, prima di in...

Area Professionale

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Marketing e comunicazione nel …

I social media ed internet hanno modificato il modo di comunicare di milioni di persone. Di conseguenza è cambiato anche il modo di fare marketing ed è import...

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

Le parole della Psicologia

Nausea

E' una sensazione di malessere e fastidio allo stomaco che può precedere il vomito.  Di solito la nausea si presenta nel momento in cui mangiamo qualcos...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

dipendenza da shopping

La sindrome da acquisto compulsivo è un disturbo del controllo degli impulsi che indica il bisogno incoercebile di fare compere, anche senza necessità, ed è anc...

News Letters

0
condivisioni