Pubblicità

Alcolismo (157630)

0
condivisioni

on . Postato in Dipendenze e Abusi | Letto 430 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Maria, 50

Gentile dottoressa,
con mio marito viviamo da separati in casa da circa 5 anni. Lui ha problemi di alcolismo e gli hanno diagnosticato sindrome bipolare.
Il problema alcolismo è iniziato dalla nascita del figlio aggravandosi fino a che il bimbo aveva circa 5 anni, poi con interventi sert, psichiatri etc e' migliorato. In questo momento è seguito solo dallo psichiatra, ma vorrei sapere che tipo di supporto psicologico avrebbe più bisogno: lo psichiatra mi consiglia specialista in dinamiche familiari ma io sarei più propensa per un intervento più mirato al suo comportamento anche perchè non mi considero facente parte della 'sua' famiglia.
Lei che ne pensa?

Cara Maria,
mancano molti elementi del quadro, per capire bene. Sicuramente siete tutti coinvolti, in modo diretto o indiretto. Di fatto siete ancora una famiglia, anche se separata in casa, siete una famiglia separata in casa, appunto!
Ma, quale terapia sia più appropriata è difficile dirlo così. Generalmente per questi problemi, ci sono vari tipi di intervento, che devono integrarsi.
Intanto è importante che mantenga il supporto farmacologico, poi come seconda battuta è bene che suo marito si rivolga ad un terapeuta e chieda una consulenza, da quel contesto poi emergerà quale intervento o quali interventi possono essere maggiormente appropriati. Potrebbe essere utile iniziare con un percorso individuale affiancato da sedute familiari, può darsi che sia intanto necessario un percorso individuale e solo in un secondo momento quello familiare e via via con le molte possibilità.Non c'è un procedimento standard, il procedimento viene attuato leggendo il contesto, i problemi, le persone in gioco, le risorse, ecc.
Certamente, quello che si può dire è che il problema coinvolge tutti e riguarda tutti. Lui in prima persona, ma anche lei che l'ha sposato, voi per la scelta di vita attuale, il figlio per come la vive, ecc. Ma non solo, è anche necessario capire quali dinamiche hanno favorito e mantengono il problema di alcool e di bipolarità, di suo marito. Spesso infatti, si stabiliscono delle dinamiche familiari, che inconsapevolmente solidificano e danno valore al comportamento patologico.
Per cui, rivolgetevi ad un collega e iniziate questo percorso. Credo che ciascuno di voi ha molte cose inespresse, emozioni, pensieri, recriminazioni, rabbie, fantasie, ecc. Vivere con un uomo alcolista e bipolare, è veramente difficile! Si devono essere infrante molte certezze, sogni, progettazioni, ci si deve sentire molto soli e arrabbiati!
E' bene dare loro agio, dare spazio per poterle trasformare.

(Risponde la Dott.ssa Costantini Sabrina)

Pubblicato in data 30/05/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Angoscia [1593361574931]

alex, 41 anni   Salve, ho bisogno tanto di un supporto psicologico, un mental coach sarebbe l'ideale. Vivo con mia madre da sempre, non ho amici, so...

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

MECCANISMI DI DIFESA

Quando parliamo di meccanismi di difesa facciamo riferimento ad un termine psicoanalitico che individua i processi dinamici e inconsci mossi dall’Io per fronteg...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

News Letters

0
condivisioni