Pubblicità

Dipendenze e abusi (019963)

0
condivisioni

on . Postato in Dipendenze e Abusi | Letto 428 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anonima, 29 anni

Io non ho mai parlato con nessuno, non ho mai nemmeno voluto pensarci, anzi quando accade mi giro dall'altra parte e penso a altro...non so davvero cosa mi stia spingendo ora a parlarvi. Ho sempre avuto con mio padre un rapporto tipo padre padrone, io figlia degenere ribelle, lui padre le cui parole erano sempre troppe.
Per lui è sempre stato fondamentale il comando, nessuna spiegazione solo ordini da eseguire alla lettera. Sono cresciuta piena di sensi di colpa, io la figlia ribelle avevo colpe se litigava con mia madre avevo colpe su tutto. Mi dicono tutti che quando ero piccola avevo un rapporto con lui affettuoso e dolce, ma io conservo nella memoria lo zero piu assoluto, non ho ricordi di quando ero piccola assolutamente nulla. Niente gite che pure mi dicono abbiamo fatto, niente! Arrivata a 12 anni mio nonno (il papà di mio papà) tentò di abusare di me, i miei se ne accorsero da un succhiotto sul collo, la vergogna che ho provato ancora me la ricordo...Mio papà venne, la mattina dopo il fatto, a svegliarmi con un bacio ( non lo faceva mai) mi svegliai di soprassalto e lo scansai infastidita, non mi parlò per 1 mese dicendo che non dovevo reagire così.
Continuammo come se niente fosse a vivere nell'appartamento accanto a mio nonno, come se niente fosse a passare i natali assieme mentre vedevo mio nonno regalare soldi alle mie zie e a mia mamma infilandogli nei reggiseni..ricordo ancora mia mamma rimanere impietrita, ricordo ancora come io distoglievo lo sguardo per non guardare. Poi un giorno accadde di nuovo, mi salvò quello che era il primo ragazzo...i miei decisero di non parlare piu con mio nonno..ma quando accadde che mio ebbe un infarto dissi a mio papà di andare...di perdonare..lui andò si parlarono subito dopo mio nonno morì ma io non provai nessun dolore, nessuno. Non permisi piu a mio padre una carezza un bacio, il solo pensiero mi creava ansia e nervosismo, due fantasmi in una casa...facevo in modo e maniera di non rimanere sola con lui..e poi lo punii per cosa non ho ancora capito.
Rimasi incinta del mio ragazzo e decisi di abortire, al consultorio dissi che era stato mio padre ( ma perchè!)l'assistente sociale mi rovinò la vita denunciandolo ( io ero maggiorenne ma avevo una sorella minorenne)...si risolse tutto con la mia ammissione ma nemmeno allora..nessuno mi chiese il perchè...andai da uno psichiatra, mi imbottì di pillole e calmanti, chiamò anche i miei genitori ma mio padre non capì nulla, aveva ragione lui su tutto anche sullo psichiatra,me ne andai di casa, andai da alcuni zii e li un giorno
presi tutte le pillole che avevo, le ingoiai tutte senza pensarci...vivevo fra amici sbagliati, fra ecstasi, fumo,alcol...le presi tutte quelle pillole e mi ritrovai in un letto di ospedale..ancora oggi non ricordo nulla..nessuno mi ha detto nulla.
Dpo quell'avvenimento ritornai a casa...come se niente fosse, l'unica cosa cambiata era che mio padre andava dicendo a tutti che ero una persona cattiva, un giorno nella mia cameretta ero sdraiata sul mio letto lui entrò mi si mise accanto e mi abbracciò, ma io non ne ero felice e avevo ragione, iniziò a sfiorarmi le labbra con le dita e lo ricordo perfettamente che aveva il respiro affannato, mi alzai di scatto e me andai, un altro giorno mi abbracciò " poggiandosi"....
Oggi sono sposata ho una bambina, non amo mio marito e non so nemmeno perchè l'ho sposato. Ho avuto miliardi di rapporti come una prostituta con miliardi di uomini solo perchè me lo chiedevano e a me non fregava nulla di dirgli di no...mio marito non capisce, e nemmeno io, ma lui non sa,e tanto dopo quello che ho combinato con quella bugia chi mi crederebbe, probabilmente nemmeno voi..ma chissene frega. Sono stata una vita ad aver paura di quello che pensava la gente, mio padre non mi faceva uscire con amici e amiche per paura di quello che la gente poteva dire....ora basta...mio marito dice che sono depressa, ma lui non sa niente e mai saprà, ho attacchi d'ira urlo senza motivo piango allo stesso modo e rido come se niente fosse... io non ho bisogno di aiuto, sto bene così devo solo occuparmi della mia bambina, l'unica cosa che conta per me, io sono zero.

Gentile signora mi pare che il suo passato sia davvero molto traumatico ha subito abusi sia fisici che psicologici in famiglia.. e in più si sente oppressa dal senso di colpa per aver mentito su suo padre..dal quale comunque non ricava un buon rapporto di tipo protettivo ma non si fida di lui!
Credo che invece dovrebbe provare ad aprirsi circa queste sue problematiche legate a figure affettive del passato magari parlandone con persone di cui si fida molto o ad una psicologa. Questo parlare la potrebbe aiutrare a superare quei sensi di forte inadeguatezza che prova verso il suo ambiente quotidiano e la forte motivazione a stare del tutto bene la sta trovando nel rapporto con sua figlia. Dunque non faccia passare questi momenti di consapevolezza e cerchi di affronatre il passato per sentirsi promnta verso la sua vita
attuale che deve essere sciolta dai dubbi e dai malesseri che le provengono dalle passate esperienze traumatiche o deludenti.

( risponde la dott.ssa Tina Carone )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di dipendenze ed abusi per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Vorrei avere maggiori informaz…

eleonora, 33 anni  Buongiorno. Sono Eleonora, la ragazza di 33 anni che vi ha scritto (la mia domanda è intitolata “La mia vita con gli attacchi di p...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

News Letters

0
condivisioni