Pubblicità

Non so, nemmeno io lo faccio parlare (119093)

0
condivisioni

on . Postato in Dipendenze e Abusi | Letto 418 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Silvia 26

Ciao sono Silvia e, a parte scrivere su un diario, ho poche amiche con cui non posso affrontare il mio problema. Sono molto triste perchè il mio fidanzato ogni tanto si droga ed io non ho la forza di lasciarlo definitivamente (so che dovrei). Lo faccio vedere a tutti che sono una ragazza forte, perchè pur essendo malata anche grave, non mi sono mai abbattuta e, difatti, non è la malattia la mia più grande preoccupazione, ma è sapere che forse lui non smetterà mai di sparire una volta al mese. Secondo lei uno psicologo lo può aiutare? Lui non vuole andare a pagare 50 euro a seduta una volta la settimana, avevamo già sentito e, poi, dice che si vergogna. Lei mi può dare un consiglio? Grazie.

 Nella sua lettera ci sono segnali di sofferenza che meritano attenta analisi e approfondimento. Naturalmente in questo breve spazio posso offrirle solo qualche spunto di riflessione spero utile per lei. Il suo fidanzato si droga. Non so di che tipo di droga si tratti e comunque, nonostante la condotta tossicomanica sia patologica  e a lungo andare causa di serie patologie collaterali, il quadro può essere diverso a seconda che si tratti di oppiacei, cannabis, cocaina, ecc. e in relazione al quantitativo e alla modalità di assunzione. In che senso il suo ragazzo sparisce una volta al mese? Questo è forse collegato all'assunzione di droghe? Non mi è del tutto chiaro. Non metterei poi in secondo piano, come lei fa, la sua malattia, che costituisce, anche se non esplicitamente, una ulteriore fonte di preoccupazione, soprattutto se si tratta, come riferisce, di patologia grave. Credo che nell'aiuto psicologico, di cui il suo ragazzo ha sicuramente bisogno, la vergogna o l'aspetto economico siano circostanze secondarie. La cosa più difficile per una persona è affrontare il cambiamento e trovare dentro la molla e la motivazione per intraprendere un cammino a volte faticoso e travagliato in cui rimettere in discussione abitudini consolidate, credenze, modi di impostare la propria esistenza. Il riconoscere una parcella ad un  professionista opportunamente formato per fare tutto questo, per  migliorare la salute psicofisica delle persone e la loro motivazione al cambiamento è, oltrechè giusto eticamente, un modo per stabilire correttamente  i ruoli nell'ambito del cosidetto "contratto terapeutico", che ha una evidente ricaduta nell'efficacia terapeutica. Cordiali saluti.

(risponde il Dott. Orazio Caruso)

Pubblicato in data 06/06/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di dipendenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Ansia che causa senso di vomi…

1234, 20 anni Salve, è da qualche mese che certe situazioni come esami orali, uscite con ragazze e in alcuni casi feste/discoteche mi causano, prima di in...

Area Professionale

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Marketing e comunicazione nel …

I social media ed internet hanno modificato il modo di comunicare di milioni di persone. Di conseguenza è cambiato anche il modo di fare marketing ed è import...

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

News Letters

0
condivisioni