Pubblicità

Pornodipendenza (134570)

0
condivisioni

on . Postato in Dipendenze e Abusi | Letto 575 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Massi 33

Solo due settimane fa, il mio vecchio pc ha smeso di funzionare, in queste due settimane mi sono interrogato sulla possibilità di non usufruire più del computer; purtroppo il pc ha sempre un ruolo più importante nella vita di tutti i giorni e alla fine, spinto anche da mia madre (all'oscuro del mio problema), mi sono convinto di ricomprarne un altro. Solo ora, mi sono reso conto che la mia pornodipendenza legata ad internet è una patologia, perchè in queste due settimane, sono stato abbastanza bene. Certo, ogni tanto immagini varie, tornavano chiare e nitide nella mia mente, ma poco dopo non avendo input esterni, riuscivo a farmene una ragione sono perfino riuscito a dimezzare la mia dipendenza verso le sigarette. Ma da quando questa scatola maledetta è tornata, sono ricaduto dentro questo pozzo senza fine questo per me è un bel problema, perchè purtroppo abito in un paesino abbastanza isolato e il pc mi aiuta in molte cose e se non ci fosse dovrei fare i salti mortali per reperire informazioni utili e non solo. Allora, so che dipende tutto da me è dovrò lottare per uscirne, ma datemi dei consiogli per favore, qualche suggerimento per starmene lontano perchè anche se cerco altre attività che mi distraggano, alla fine quando vado a dormire quella scatola nera sembra essere lì sulla scrivania a dirmi: "Accendimi dai...tanto non c'è niente di male...". Invece male ce n'è, e molto perchè alla lunga la mia auto-stima sta scemando sempre più e mi ritrovo sempre più solo. Aiuto, per favore!
Caro Massi, due consigli pratici. Il pirmo è un consiglio fai da te: smetta di usare il comnputer. Ha sperimentato un benessere psico-fisico maggiore in assensa di quella "maledetta scatola" perchè oltre a non avere a disposizione le immagini pornografiche ha condotto una vita differente. Quello che sicuramente le serve è anche uno stile di vita differente. Per cui non è male l'idea di fare a meno di internet e riscoprire quelle cose che le hanno procurato benessere. Il secondo consiglio che le do riguarda la scelta di uno psicologo. E' importante che intraprenda un percorso con un professionista senza indugiare troppo. Buona Vita


(Risponde il Dott.Massimo Giusti)

Pubblicato in data 09/06/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Coppia e famiglia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

News Letters

0
condivisioni