Pubblicità

Scommesse sportive (159548)

0
condivisioni

on . Postato in Dipendenze e Abusi | Letto 366 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mario, 38

 

Gentile Dottore,
sono un operaio mia moglie casalinga siamo sposati da anni ed abbiamo 4 figli.
Stiamo benissimo forse un po di soldi in più staremmo meglio, e per questo sono sempre in cerca di qualche buon affare.
Da un po di tempo mi sono specializzato sulle scommesse sportive visto che è un settore in forte crescita, precisamente faccio le surbet cioè scommesse sicure, significa che si punta tutti i risultati possibili su diversi bookmekers e si riesce ad ottenere qualcosina di più di quello che hai puntato. Tutto con 'aiuto di un softwere a pagamento.
Mia moglie dice che sono affetto da malattia da gioco ed io continuo ad ripetergli che quello che faccio io non è gioco perchè non rischio niente e non tento la fortuna.
Mi dice spesso di rivolgermi ad uno psichiatra e per questo vi ho scritto, cosa ne pensate?
Grazie


Caro Mario,
mi pare ci sia un po' di confusione di termini lei dice che non gioca, perché non c'è rischio.
Intanto non sono sicura che non sia gioco d'azzardo, la certezza al 100% non c'è mai ed una piccolissima quota di rischio sussiste sempre.
Poi, in verità la caratteristica preminente del gioco in sé non è il rischio, ma il piacere.
Lei dice anche di essersi "specializzato", è un termine che mi colpisce perché sembra quasi una formazione professionale! Inoltre ci dice che si è dedicato alle scommesse sportive, per racimolare un po' di soldi.
Partendo dall'inizio direi che per fare un po' di soldi in più, il gioco non è sicuramente la forma più sicura, funzionale e adulta. Questo mi fa pensare, che lei in realtà nasconda a sé stesso il fatto che a lei piace e mi pare che ci investe anche molto, al punto di definirsi specializzato. In effetti, stare dietro alle giocate, utilizzare il softwere, ecc. occupano molto tempo.
Penso proprio che alla fine, a lei piaccia tutto questo e le piace perché è una condizione che le permette di dire: ho vinto! Sono stato bravo, ho raggiunto l'obiettivo prefissato!
Del resto il piacere del gioco in genere (da quello dei bambini a quello dei grandi), risiede proprio nella sensazione di aver impiegato strategie e abilità, che hanno portato ad un risultato vincente.
Non solo, forse tutto questo gran da fare la tiene impegnata, ciò distrae, porta via dai doveri, dalle responsabilità, dalla noia, dalle cose che non ci piacciono.
Per cui, mi sembra che il denaro non sia una buona motivazione per godersi uno spazio di gioco. Lei ama giocare e vi investe molto e forse non si sente legittimato al gioco! Forse con quattro figli, non si sente neanche legittimato alla distrazione, se non con la motivazione di racimolare un po' di soldi in più. Non so se lei ha una dipendenza da gioco, non mi fornisce sufficienti dettagli, sicuramente le produce una grande scarica di adrenalina e soddisfazione. Il fatto che non ci sia perdita di denaro, non toglie che ci possa essere un legame insano. Il grado della sua dipendenza lo può vedere da solo. Provi a stare una settimana senza giocare e si osservi, ascolti le sue sensazioni, l'umore, i sintomi fisici, le abitudini.
Provi poi con due settimane e si osservi ancora.
Se compare nervosismo, irritabilità, irascibilità, ansia, insonnia, inappetenza o eccessiva ingestione di cibo, disturbo della digestione, emicranie e simili, allora vuol dire che lei ha un bel grado di dipendenza.
E in quel caso, è necessario rivolgersi ad uno psicologo ed eventualmente ad uno psichiatra, per valutare il tipo di intervento. Ma il fatto che lei ci porga direttamente questa domanda, mi fa ben pensare che comunque sia una persona che ha mantenuto il suo spirito critico, questo è un ottimo elemento. Penso che una consulenza diretta con uno psicologo, le darà la misura dell'eventuale problema e del trattamento.
Tutti hanno diritto a giocare e a godere del gioco, anche gli adulti, se però diventa uno spazio esclusivo e ineliminabile, allora diventa un problema.
Forse può ampliare nella sua vita, la fonte di interesse, divertimento e curiosità. La varietà è sicuramente sinonimo di maggiore benessere. Mentre la dipendenza porta appunto ad un rapporto esclusivo, non si può fare a meno di quell'azione e solo di quella! Prenda questa situazione Mario, come occasione per capire meglio chi è e cosa la può far star bene.
Le crisi e le rotture con atteggiamenti, abitudini e riti, sono in realtà l'opportunità di cambiamenti, che non necessariamente volgono al peggio! La qualità del cambiamento dipende solo da noi!

 

(Risponde la Dott.ssa Costantini Sabrina)

Pubblicato in data 28/06/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Angoscia [1593361574931]

alex, 41 anni   Salve, ho bisogno tanto di un supporto psicologico, un mental coach sarebbe l'ideale. Vivo con mia madre da sempre, non ho amici, so...

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

News Letters

0
condivisioni