Pubblicità

sdoppiamento della personalità?(163307)

0
condivisioni

on . Postato in Dipendenze e Abusi | Letto 1005 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mimmo, 35

Gentile dottoressa,
non so se ho indicato il giusto argomento, ma spero di riuscire ad esser chiaro nella mia spiegazione; vengo da un passato abbastanza tormentato: primogenito di due figli, non ho rapporti con i miei genitori da 11 anni, rapporti che peraltro in precedenza erano tutt'altro che cordiali: ho abbandonato la casa di famiglia a 24 anni, abbattendo ogni ponte possibile. Da quel momento, e fino a circa 7 anni fa ho abusato di cocaina ed alcool in egual misura, fino a interrompere una relazione avviata verso il matrimonio. Ora vivo con colei che fino a poco tempo fa era la mia compagna, ma che ora ha deciso di "lasciarmi", pur continuando a vivere con me e desiderosa anche lei di aiutarmi a risolvere il mio problema; vado incontro, nei confronti di lei e delle persone che mi sono vicine, a scatti di rabbia di entità a volte allarmante (non di natura fisica, fortunatamente, ma solo verbale), con frequenti minacce di togliermi la vita o, genericamente, di "andarmene"; credo di aver sottoposto la mia compagna a violenze psicologiche d'ogni tipo, scaturite sempre da inezie, come una parola di troppo o un fraintendimento. Non sono nuovo a questo atteggiamento: già anni fa si era manifestato con la mia fidanzata di allora, la quale però non aveva la pazienza di Giobbe della mia attuale convivente, e mi aveva scaricato in breve, pur dimostrando interesse a risolvere il mio problema, e consigliandomi uno psicologo, il quale però mi ha liquidato in quattro e quattr'otto imbottendomi di En, terapia che ho preferito non proseguire.
Dopo quel momento sono calato in un vortice fatto di nuovi abusi, con l'alcool sempre presente, ma accompagnato da una nuova amica, l'eroina. Da quest'ultima ne sono uscito 4 anni fa, senza mai ricadute, pur venendo comunque a contatto con ambienti attigui, se non affini; credo che quel momento sia stato l'ultimo in cui ho dimostrato carattere e forza di volontà (la disintossicazione fisica è stata fatta "in solitaria", può ben immaginare a che prezzo). E' rimasto l'uso di alcool, ma non più in maniera smodata. Inoltre, ho avuto modo di testare personalmente il fatto che sovente le mie escalation di "scoppi" non coincidono affatto con l'assunzione di alcoolici... semplicemente qualcosa nella mia testa SI SPEGNE, dando luogo a scenate terribili, di cui puntualmente il giorno successivo mi pento a morte. Parlandone anche con la mia compagna (ex), ne è emerso che fondamentalmente la mia vita è
incentrata non su una mia individualità, ma su una concezione di coppia come UNITA': credo di aver via via rimosso qualunque hobby, dalla lettura alla musica, dalle passeggiate alle escursioni, concentrandomi solo sul fatto di "non rimanere solo": infatti, anche quando io e lei abbiamo discusso dell'eventualità di lasciarci, il mio primo pensiero è stato "no, senza di lei, no", e non di concentrarmi su quale potesse essere una vita da single; vita da single che, per'altro, ho vissuto solo per brevissimi momenti tra una relazione e l'altra. In sostanza, alla domanda "sei felice?" non trovo una risposta coerente.
Mi sono abbandonato a una triste monotonia di casa-lavoro-bar, senza più reagire agli stimoli. Alle volte mi sento addirittura INADEGUATO alla vita e, tremendo, pensando al suicidio. E qui ritorno a "fermarmi" solo in virtù del pensiero di non voler lasciar sola la mia convivente, fregandomene altamente invece del pensiero di quanto possa essere bella la mia vita, indipendentemente dalla presenza accanto di una compagna. Gli irrisolti, nella mia esistenza, sono una gran quantità, e spesso ho pensieri che mi riportano a grossi errori commessi nel passato, o a manchevolezze che mi hanno portato a guai giudiziari ed economici.
Al di là del fatto che auguro a me stesso di trovare una soluzione in tempi brevi, anche nell'ottica di un futuro con la persona che mi è
comunque accanto, ci tenevo ad avere una sua opinione, pur se con così pochi elementi a disposizione (mi rendo conto che la mia "stesura", pur se copiosa, è comunque un Bignami della mia situazione...)
Anticipatamente ringrazio.
Mimmo



Gentile Mimmo,
la sua lettera è proprio un Bignami, ma ricco di spunti!
In primo luogo le segnalo che probabilmente lei è stato in cura da uno psichiatra e non da uno psicologo( lo psicologo non prescrive farmaci).
Penso che, nonostante siano molti anni che ha lasciato la  famiglia di origine ed abbia interrotto i contatti, per lei ci sono ancora questioni profonde e irrisolte all'interno dei suoi rapporti familiari. Le "rotture" talvolta inducono uno stato depressivo che alcuni cercano di superare abusando di sostanze ( anche le idee suicidarie sono tipiche della depressione) .
Il desiderio di vivere la coppia come "unità", cioè di avere un rapporto simbiotico con il partner fa sospettare una scarsa autonomia emotiva ( aspetto questo probabilmente da ricollegare alle vicende con la sua famiglia d'origine). Credo sia il caso che lei intraprenda un percorso con uno psicoterapeuta ( controlli che sia iscritto all'ordine degli psicologi della sua regione)che l'aiuti a riconoscere gli aspetti profondi che continuano, suo malgrado, a influire sui suoi comportamenti. Dal suo scritto mi sembra di poter evincere che lei abbia doti sia emotive, sia intellettuali che le consentiranno di realizzare una vita piena e soddisfacente, una volta affrontati e risolti, almeno in parte, i nodi inconsci che oggi le provocano disagio.
Auguri!
S. Bertini 

(Risponde la Dott.ssa Susanna Bertini)

 

Pubblicato in data 07/03/2014

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente. E' l'attribuzione di una colpa commessa da altr...

MECCANISMI DI DIFESA

Quando parliamo di meccanismi di difesa facciamo riferimento ad un termine psicoanalitico che individua i processi dinamici e inconsci mossi dall’Io per fronteg...

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

News Letters

0
condivisioni