Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Abbuffate notturne (63623)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 145 volte

Lucia 25 anni, 19.04.2003

Ho 25 anni e, fin dall'adolescenza, sono stata sempre attenta alla mia alimentazione, a volte con scarso successo: non sono mai stata obesa, ma cicciottella sì.
Negli ultimi anni il mio peso si è più o meno stabilizzato: mi dicono che sto bene così, anche se io dico sempre che dovrei dimagrire qualche kg.
Da alcuni anni il mio problema è questo: mi alzo nel mezzo della notte e vado a mangiare.
Non ho scritto "mi sveglio" perché è come se non fossi completamente in me, perché non mi è possible esercitare alcun tipo di controllo su quello che faccio. Preferisco i dolci, ma, in sostanza, mangio quello che trovo e in grosse quantità.
Per un certo periodo il disturbo se n'era andato da sé, poi è tornato, e ora è quotidiano: questo mi porta a non avere fame al mattino, a fastidi intestinali, insomma, a non star bene.
Ho provato di tutto, anche a non tener più niente in frigo, ma trovo sempre qualcosa da mangiare; se ho del latte son capace di berne un litro, idem per il succo di frutta.
Mi trovo in un momento di particolare stress (la laurea imminente, problemi nella vita di coppia e una situazione non proprio tranquilla in famiglia), e ho notato che i rari periodi di sospensione del disturbo corrispondevano a momenti in cui mi sentivo relativamente tranquilla.
Lo strano è che: se ho ospiti in casa non vado ad abbuffarmi. Se sono io ospite da qualcuno, lo stesso, così come se vado a letto molto tardi (diciamo dopo le 2).
Durante il giorno tendo a controllarmi molto nel mangiare, sto attenta alle calorie di tutto quello che ingerisco. A volte faccio degli strappi alla regola, ma non mi sento in colpa, proprio perché li considero delle eccezioni.
Alcuni anni fa capitava che mi inducessi il vomito: non mi andavo ad abbuffare, però, se mi capitava di mangiare troppo e di sentirmi appesantita, lo facevo; recentemente è ricapitato un paio di volte, quando ero al ristorante col mio ragazzo.
L'ultima volta si stava discutendo. Mi sembra di avere detto tutto.
A questo punto non so più che pesci pigliare, oltretutto mi vergogno molto che si sappia e se qualcuno mi scopre mentre mangio di notte, dico che stavo bevendo e nego, invece, che era un'abbuffata. Grazie in anticipo!

Carissima Lucia, di notte, come giustamente dici, la coscienza non è desta, e con essa i meccanismi di controllo che di solito attiviamo durante il giorno.
In questa condizione, sono gli impulsi a "farla da padroni", sono i nostri bisogni più inconsci a manifestarsi, ed evidentemente la tua ricerca di cibo appartiene a questo ambito. Quando sai di poterti permettere di sospendere completamente il controllo, fai ciò che di solito ti impedisci di fare.
Quando invece un minimo di controllo lo devi comunque mantenere (per esempio quando hai ospiti o sei ospite di qualcuno), infatti, il tuo desiderio di cibo non riesce a prendere il sopravvento.
Lo dici tu stessa che il disturbo cessa quando sei più tranquilla, e che ora, che attraversi momenti di stress, invece si manifesta con più intensità. Che si tratti di un meccanismo collegato alla tua psiche, mi sembra sia fuori dubbio anche per te.
Si tratta di capire a cosa possa essere collegato, a quali tuoi vissuti interni, e per fare questo ti consiglierei vivamente di rivolgerti ad uno psicoterapeuta, visto che sembri avere tutti gli strumenti necessari ad approfondire la cosa e ad affrontare un lavoro su di te.
Il vomito, inoltre, oltre ad essere sicuramente un modo per non assimilare il cibo assunto, è anche, su un piano simbolico (e nemmeno troppo) una manifestazione di un rifiuto.
Che cosa rifiuti nella tua vita in generale, o cosa nella relazione col tuo ragazzo, in particolare? Forse la discussione al ristorante aveva contenuti di "difficile digestione" per te, tanto da indurti il vomito? So che di solito ci si vergogna molto in queste situazioni, e penso che più di una vergogna legata alla modalità di assunzione del cibo, ci si vergogni di quello che sappiamo/intuiamo esserci dietro, di ciò che di noi si svela attraverso il sopravvento di un comportamento "fuori dal controllo".
E' un po' come sentirsi nudi, e di solito il timore di essere scoperti appartiene alle persone che nude non riescono proprio a farsi vedere. Bisogna che tu faccia qualcosa per entrare in contatto tu, intanto, con la tua "verità nascosta", in modo da poterla guardare, scoprire, interrogare e, anche, modificare eventualmente.
Per non doverti più vergognare di quello che hai dentro....e di quello che sei fuori (il corpo).

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters