Pubblicità

Abulimia (079035)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 3178 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Laila, 32 anni

Sono un donna di 32 anni,vivo a Messina ,sposata da due da circa cinque anni soffro di abbulimia, ho iniziato perchè dopo una infinità di diete fatte da sola non riuscivo più a perdere un etto. Ora non riesco a smettere mi sento sola ne ho parlato con mio marito ma dopo un pò di tempo gli ho detto che era tutto apposto ma gli ho mentito rimetto tutte le volte che mangio...ho paura.Mi sento sempre grassa quando smetto di mangiare....Comunque io non ho grandi possibilità economiche quindi non posso andare da uno psicologo per una terapia che tr'altro sono costosissime. Vi prego datemi un consiglio in quanto sono andata anche in consultorio ma non hanno ritenuto grave il mio problema e quindi non mi hanno più richiamata dopo il primo colloquio.

Cara Laila, la bulimia è l’espressione di un disagio di ordine psicologico che si manifesta, appunto, attraverso un particolare tipo di rapporto col cibo. Più in particolare possiamo dire che attraverso il rifiuto del cibo che si manifesta nella bulimia, la persona esprime un rifiuto più intimo, un rifiuto di aspetti di se stessa che non riesce ad accettare, o il rifiuto di una condizione di vita che non soddisfa… insomma un rifiuto per qualcosa di se stessi o della propria vita che non funziona, crea disagio, malattia psicologica. Per guarire da questo, è opportuno cercare di capire quale sia il motivo reale del rifiuto, che cosa stiamo cercando di non vedere e non sentire di noi stessi, a costo di farci del male. Perché a lungo andare rimettere dopo aver mangiato procura danni anche a livello fisico, come immagino saprai. Dunque il suggerimento che ti darei e ti do comunque, è di insistere nelle tue ricerche di uno psicologo, al consultorio o al centro di Igiene Mentale più vicino, o chiedendo anche se ci sono associazioni che si occupano di Disturbi Alimentari …. Messina è una città importante, penso che esistano strutture adatte a te. Intanto prova a guardare sul sito di Psiconline, ci sono molti articoli sull’argomento, moltissime domande di utenti, c’è una chat e un forum…. Questo perché così puoi iniziare a informarti e soprattutto a non sentirti così sola. Ma rivolgiti comunque a qualcuno in carne e ossa nella tua città; è importante che tu abbia un riferimento e un confronto vicino a te.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni