Pubblicità

Aiutatemi (122611)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 110 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Sweet Doll 17

Salve, sono una ragazza di 17 anni e fino a 3 mesi fa pesavo 75 kg. Ho iniziato da un giorno all'altro a rigurgitare il cibo ingerito. Inizialmente una volta a settimana, dopodichè tutte le volte che mangiavo, e così facendo sono riuscita a perdere 5 kg nel giro di un mese finchè non ho iniziato a rimettere sangue. Da lì ho smesso, per me era solo un modo per dimagrire, non era un'ossessione. Dalla settima successiva ho iniziato a mangiare meno, senza rimettere, poi ho iniziato a saltare i pasti e ora peso 54 kg e sono alta 1,66. Ora sta diventando un'ossessione. Mi correggo: è un'ossessione. Dormo poco e male a causa dei spaventosi sogni che faccio nei quali o sono obesa e non cicciona come sono oppure sono magrissima e bellissima(ma quando mi sveglio e mi accorgo che è un sogno e inevitabilmente mi metto a piangere. Ormai piango spesso e mi capita sempre più frequentemente di avere giramenti d testa e di rimenere per 5-10 minuti in uno stato confusionale: vedo sfocato e non ricordo bene cosa stavo facendo e tantomeno dove mi trovo. Anche i miei genitori sono veramente preoccupati. Ho provato a mangiare equilibrato, ma appena deglutisco mi viene la pelle d'oca e devo andare in bagno a rimettere. Sono grassa, mi sento una palla deforme di grasso e cellulite!! Questa non è vita! Aiuto, vi prego.

Cara Sweet Doll, come avrai intuito hai bisogno di un lavoro su di te che comprenda una parte psicologica, ma anche una più strettamente educativa e nutrizionale. In questi casi e data la tua giovane età mi viene da consigliarti una clinica dove si occupano di disturbi alimentari perchè possano seguirti diverse figure professionali e vadano di conseguenza ad affrontare questo tuo disagio su diversi aspetti. Dall'altra può andar bene anche il ricorrere a uno psicologo e un dietologo in modo diretto, siano essi del servizio pubblico USL o di un consultorio che privati, ma è sempre un po' più difficile trovare una perfetta cooperazione. Ti consiglio comunque d'intervenire subito perchè i danni che puoi fare al tuo corpo a questa età potrebbero essere davvero molti mentre se tu imparassi ad ottenere e mantenere un corretto comportamento alimentare staresti sicuramente meglio sia nel fisico che nella mente. Ti consiglio un orientamento cognitivo-comportamentale: è mirato e piuttosto rapido nei risultati (meno di un anno).

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 09/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

News Letters

0
condivisioni