Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Aiutatemi (123282)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 108 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Silvi 18

Vi prego aiutatemi. Non riesco a smettere. Sono una ragazza di 18 anni e l'unico mio continuo pensiero è mangiare. Mangio troppo, sempre, sono insaziabile. Sono arrivata a 2 pizze e mezza in una sera; un pomeriggio dopo pranzo a 19 pastine e 3 fette di torta; un dopo cena a una confezione di loaker,1 mela, 1 yogurt, nutella e gelato. E così via tutti i giorni, aumento a vista d'occhio. Ho provato di tutto, tante volte sono ricorsa a vomitare appositamente. Penso di avere qualche problema. Vi prego aiutatemi: come faccio a smettere di mangiare? Penso a qualcos'altro e non ci riesco. Mia mamma è contenta se mangio tanto mentre nella mia testa s'agita una vocina che dice 'basta Silvi, smettila!'. Allora mi "tappo" le orecchia, faccio finta di non sentirla. Ho paura.

Cara Silvi, non esiste un comando che riesca a farti smettere di mangiare, ma lo puoi costruire con l'aiuto di una terapia mirata al tuo comportamento alimentare. Rivolgiti ad uno psicologo in carne ed ossa. Ti consiglio una persona che segue l'orientamento cognitivo-comportamentale perchè ti fornirebbe delle strategie che puoi utilizzare anche una volta terminate le sedute, parla del tuo problema ed eventualmente coinvolgi tua madre. Non ho capito se tua madre vuole vederti mangiare perchè non si accorge dei pericoli dell'obesità o perchè tu sei oggettivamente troppo magra, ma vale la pena di fare qualche incontro dallo psicologo anche con lei per trovare un giusto equilibrio nel vostro modo di vederti.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 08/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

News Letters

0
condivisioni