Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Alimentazione (061095)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 149 volte

Sofia 16 anni, 11.01.2003

Da bambina ero un pò sovrappeso, ma tutto mi andava bane fino allo scorso anno. Dentro di me è scattata una mollla:dovevo dimagrire.Inizialmente la mia famiglia mi sosteneva e la mia dieta era equilibrata ma poi ho iniziato a modo mio.
Ho iniziato a non mangiare più nulla, ero sempre stanca e svenivo spesso;i miei decisero di prendere la situazione in mano e la mia alimentazione tornò equilibrata.
Dalla fine di quest'estate però alterno settimane di rigorose diete (non mangio quasi nulla) a settimane di abbuffate seguite dall'autoprovocazione di vomito. Parlando con una mia coetanea con gli stessi problemi mi ha detto che lei prende anche i lassativi...da quel giorno non ho più rimesso ma ho deciso di prendere lassativi ogni giorno.
Ormai è un mese che vado avanti così, i miei non sospettano nulla ma se sapessero tutto sarei rovinata. Non sono molto severi ma una cosa del genere li farebbe infuriare.
A scuola mi diverto e la scuola non mi pesa perchè mi piace abbastanza studiare...i miei grandi problemi sono l'alimentazione e la vita affettiva:continuo ad allontanare i ragazzi per la paura di soffrire, di esser giudicata inadatta,di essere inferiore.
Ho complessi di inferiorità verso mia madre, una donna bella che tutti scambiano per mia sorella,e nei confronti di mio fratello, 20enne modello e con un fisico perfetto.
Il mio rapporto con i ragazzi è semolto difficile e forse anche perchè non ho un ottimo rapporto con mio padre, grasso e a sua volta con manie. ...spero che tutto ciò sia sufficiente e che mi rispondiate al più presto perchè è difficile andar avanti e far finta di nulla, continuare a sorridere!! Grazie 1000!!

Carissima Sofia, credo sia il caso che tu prenda in mano la situazione, la tua vita intendo, con una certa serietà. Il problema alimentare di cui soffri non è grave, ma va affrontato subito, prima che possa ingigantirsi e crearti dei disturbi ulteriori. In realtà, come tu giustamente hai colto, il problema reale non sta nel tuo modo di alimentarti (o non alimentarti), ma nelle tue insicurezze e nei tuoi complessi di inferiorità.
Sei tu per prima a considerarti inferiore, inadatta e a giudicarti in maniera negativa; quando una persona si svaluta, poi ha paura che la stessa cosa venga fatta dagli altri, e questo può determinare una profonda paura dei rapporti, soprattutto quelli affettivi, dai quali ci si aspetta di essere svalutati, almeno tanto quanto lo si fa da soli.
Sei una ragazza sensibile e hai capito quali siano le cause dei tuoi problemi, ma ora devi anche trovare il modo per affrontarli e risolverli, perché, appunto, la tua vita è nelle tue mani e non è il caso di prenderla troppo sotto gamba.
Credo che tu debba affrontare il tuo disagio relativo a te stessa, la tua paura di crescere e anche quali siano i sentimenti che scorrono nel rapporto che hai con mamma.
Bisogna che trovi la tua identità, che scopri chi sia Sofia al di fuori e al di là del confronto con questa mamma così bella e per questo motivo, probabilmente, anche così “ingombrante”. Insomma, non saranno certamente le diete, né i lassativi né il miglioramento del tuo aspetto fisico a darti le sicurezze che stai cercando … devi cercarle altrove, dentro di te, accettando il confronto sincero con quello che possiedi e che non vuoi vedere o accettare.
Mi rendo conto che fare questo da soli non sia tanto facile, ma puoi provare … tu gli strumenti li hai. Altrimenti ci sono tantissimi centri che si occupano di disturbi dell’alimentazione, o psicoterapeuti privati. Se decidi di farti aiutare da qualcuno immagino che tu debba inevitabilmente parlarne con i tuoi, e credo che questo potrebbe comunque essere un bene per te.
Tieni conto che spesso le terapie per i disturbi dell’alimentazione sono rivolte a tutta la famiglia, e non soltanto al portatore del sintomo …Questo proprio perché le cause sono in molti casi da ricercare non solo nel singolo individuo, ma vi sono componenti familiari importanti, nelle relazioni. Decidi tu in quale direzione ti conviene dirigerti, ma non aspettare.
Credo che tu ti stia chiedendo molte cose, e questo è positivo perché fa parte di un momento di crescita. Fai in modo che le tue domande non rimangano senza risposta.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra s...

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il decl...

News Letters