Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Alimentazione (132815)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 107 volte

Vale 26

Salve, è da circa 10 anni che ho un rapporto molto conflittuale con il cibo, non riesco a risolverlo e questo mi fa stare male. Quando mi guardo allo specchio mi si chiude lo stomaco e ciò mi causa malessere. Passo peridi di digiuno serrato a momenti in cui mangio a dismisura, per poi stare ancora peggio e prendere lassativi. Prendo sempre pastiglie di ogni tipo dimagranti. Ormai la situazione è veramente pesante, penso sempre a cosa devo mangiare e quando mi sento ingrassata mi sento uno schifo. Potete aiutarmi? Grazie.

Cara Vale, credo che il modo migliore per aiutarti (o meglio, perché tu decida di aiutarti) è ripeterti, come ripeto sempre, da anni, a chi soffre di disturbi di tipo alimentare, che questo disturbo è in realtà legato ad un cattivo rapporto con se stessi, ad una fatica ad accettarsi e ad accettare le proprie debolezze, ad una svalutazione profonda della propria persona e ad una ferita nell’amor proprio che procura rabbia e tendenzialmente induce a farsi del male attraverso il cibo. Ci si sente “brutti” (interiormente soprattutto) e allora si fa di tutto per confermarsi questa opinione, anche sul piano estetico. Ma tutto ciò ha ben poco a che fare con il cibo in sé, non è una dieta che può cambiare questo stato di cose interiormente, non è nemmeno l’immagine esteriore. Comunque siamo, magre o grasse, ci sarà sempre qualcosa che non va, che non accettiamo, che vediamo imperfetto e brutto, e di cui in qualche modo ci vergogniamo. La ferita è più profonda e più interna, è nella nostra psiche, nell’immagine che abbiamo di noi stessi e che ci siamo formati nel tempo. Ed è su questo piano, quello cioè psicologico, che devi andare a rovistare se vuoi trovare la chiave per risolvere i tuoi conflitti interiori. Inutile dirti che le pastiglie dimagranti, i lassativi e quant’altro, non fanno che peggiorare la situazione, perché ti convincono sempre più che non sei tu ad avere il controllo di te stessa, ma lo affidi a qualcosa di esterno a te, ed inoltre la chimica sballa il tuo naturale e (se non ci fossero problemi psicologici) perfetto equilibrio psico-fisico. Il tuo corpo e la tua mente sanno meglio di te cosa è bene e cosa no per loro; devi ritrovare la sintonia con te stessa e con la tua natura, cercare di essere quello che sei e non altro; e allora la tua natura ritroverà, da sola, il suo equilibrio. Considera di rivolgerti ad una psicoterapia, è un aiuto fondamentale e spesso è uno dei pochi modi possibili per risolvere veramente il problema.

(Risponde la Dott.ssa Elisabetta Corberi)

Pubblicato in data 26/05/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, form...

News Letters