Pubblicità

Alimentazione (155856)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 529 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Donata, 30

 

Gentile Dottore,
Sono la mamma di un bambino di 2 anni. L'anno scorso, circa a 15 mesi,ho interrotto l'allattameto al seno, ormai esausta, si svegliava continuamente di notte per attaccarsi.
Questo è avvenuto qualche giorno prima l'inizio dell'asilo. A casa mangiava quasi tutto, non mi aveva mai dimostrato rifiuti di alcun genere nei confronti del cibo. Mangiava il piatto unico con vari tipi di carne, pesce e formaggio, tutti i tipi di verdura, ed aveva già iniziato a mangiare tortelloni con ricotta e maccheroncini.
Al nido si rifiutava completamente, non solo di mangiare, ma anche di sedersi a tavola, mentre a casa continuava a mangiare normalmente (Premetto che lo avevo lasciato precedentemente a mia madre e con mia suocera e mangiava abbondantemente con entrambe).
Successivamente si è spesso ammalato, una settimana si ed una no rimaneva a casa dal nido. Verso dicembre si è ammalato di faringite ed ha smesso di mangiare. Riuscivo solo a dargli yogurt.
Quando ha iniziato a stare meglio, non sono più riuscita a fargli mangiare il piatto unico che gli preparavo. Rifiutava categoricamente il piatto con la minestra dentro.
Quando si sporcava le manine con qualcosa di appiccicoso (cibo) inizia a strillare e piangere finchè ero costretta a lavargli le mani o a toglierli il piatto. Ora mangia di tutto come prima ma con il biberon, però sono già passati diversi mesi, speravo ricominciasse pian pianino a ricominciare a mangiare dal piatto, anche se qualcosa sta migliorando.
Per me il momento del pranzo o della cena sono frustranti. Mangia tanto pane, carota, un po' di mela, poi chiede il miele, la caramella (che naturalmente non dò) e poi beve metà del pappone nel biberon che finisce nel lettone tra mamma e papà prima di andare a dormire nellettino. Si alza da tavola e ci chiede di andare a giocare.
E' un bimbo solare, allegro, con tanta voglia di fare. Ho letto vari libri di psicologia, quando studiavo, e questa relazione madre-figlio e alimentazione mi assilla e mi preoccupa perchè mi chiedo dove ho sbagliato. Vi chiedo se sia neccessario rivolgersi ad uno psicologo dell'infanzia?

Cara Donata,
da quanto mi scrive riesco solo a dedurre che è avvenuto un cambiamento dal punto di vista alimentare, tale cambiamento si è verificato in seguito ad una serie di eventi forti che hanno influito sicuramente nella vita del bambino. Adesso non posso risponderle con esattezza, servirebbero maggiori elementi.
Quello che mi viene in mente è la possibilità che il comportamento alimentare veicoli la funzione di ricevere maggior accudimento ed attenzione. La prenda solo come ipotesi, come ripeto non posso essere più specifico altrimenti tirerei ad indovinare e questo non è positivo. Quello che le cosiglio è di consultare prima il/la Pediatra e poi nel caso interpellare uno/a Psicoterapeuta specializzato/a in età evolutiva.
La saluto, Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 05/02/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

News Letters

0
condivisioni