Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Alimentazione incontrollata (006527)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 96 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giulia, 19 anni

Salve!!E' la prima volta che mi trovo a scrivere a qualcuno in rete,ma è anche la prima volta che mi trovo a parlare con qualcuno di questo mio strano comportamento.
Da un pò di tempo mi sono accorta infatti di avere dei comportamenti,per quanto riguarda l'alimentazione,non molto sani.Mi capita infatti sempre più spesso di mangiare molto rapidamente fino a sentirmi spiacevolmente piena anche se non ho fame.
In quei momenti non ho il controllo di me,non riesco a fermarmi..mangio tutto quello che trovo in modo veloce,fino a star male.Ho notato però che questo comportamento mi viene solo quando ho troppi impegni,pensieri,oppure quando al contrario,non ho nulla da fare.
Per i miei genitori questo non è affatto un probema,secondo loro basta regolare un pò l'alimentazione e cercare di avere più autocontrollo.
Ma io,che nella vita mi ritengo determinata e con un buon autocontrollo,difronte al cibo mi sento senza barriere,senza freni che mi fermino e che mi facciano ragionare su quello che sto facendo!
Dopo queste abbuffate,che avvengono sempre quando sono da sola,mi disgusto e mi sento tremendamente in colpa,tanto da giurarmi di non toccare cibo nei prossimi giorni!!Invece dopo anche poche ore,mi basta vedere una bella donna in tv,o una pubblicità di qualche buon cibo,che subito mi assale la voglia di mangiare.
Non ce la faccio più a continuare in questo modo,vedo che il mio peso sta aumentando sempre di più..sto male.Non so se possa c'entrare qualcosa,ma fino a qualche anno fa soffrivo di un altro tipo di disturbo..non so se il termine anoressia sia il più adatto..comunque diciamo che non mangiavo,bevevo solo tanta acqua e sono arrivata a pesare 38-40 kg!
Poi guardando delle mie foto in costume,mi sono accorta di quanto ero orribile e piano piano ho iniziato a mangiare sempre di più..I miei genitori sono anche divorziati..è successo ancora quando io avevo 8 anni,ma ora dopo molte sofferenze,vedendo che entrambi si sono fatti una nuova famiglia,sto molto meglio anche io!
Volevo dirLe che,anche se i miei non vogliono,ho preso un appuntamento da una dietologa molto brava..non so però quanto io abbia fatto bene,e se questa dottoressa possa risolvere realmente questo mio problema.Spero in una Sua pronta risposta per sapere una Sua opinione su quanto mi stia succedendo..Distinti saluti


Giulia, il fatto che tu abbia sofferto, non so quanto tempo fa, di anoressia è un'informazione molto importante per comprendere il tuo comportamento di oggi. Di solito gli episodi di grande restrizione alimentare sono sempre seguiti da periodi di abbuffate, infatti non c'è anoressica che non abbia avuto anche comportamenti bulimici.
Il desiderio per il cibo c'è sempre, anche quando viene represso da una forte motivazione a digiunare. Con il passare del tempo la capacità di non mangiare aumenta, l'organismo si adatta alla condizione forzata rallentando molto il metabolismo e avendo quindi meno esigenze pressanti.
Ma a lungo andare (qualche mese), la fame così violentemente e inconsciamente repressa si manifesta in modo incontrollabile. Anche per questo si dice che le diete troppo restrittive non apportano alcun beneficio all'organismo: il rapido calo di peso viene sempre seguito da un recupero con gli interessi.
La separazione dei genitori è un episodio traumatico per una bambina di 8 anni e, dato che ne parli, potrebbe essere tuttora fonte di emozioni negative, inconsce.
L'appuntamento con la dietologa, di cui ti fidi, è un'ottima iniziativa. Probabilmente è la soluzione più adatta a te, dato che sei così consapevole dei motivi che potrebbero stare a monte del tuo comportamento alimentare (momenti di stress, momenti di calma, quindi quando la mente cerca evasione).
Se non dovesse essere la soluzione al problema puoi farti consigliare da lei un bravo terapeuta specializzato in disturbi alimentari, oppure cercarlo sul sito www.psicologi-italiani.it Nel caso riscrivimi. In bocca al lupo!

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

MECCANISMI DI DIFESA

Quando parliamo di meccanismi di difesa facciamo riferimento ad un termine psicoanalitico che individua i processi dinamici e inconsci mossi dall’Io per fronteg...

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

News Letters

0
condivisioni