Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Amica anoressica (0419)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 156 volte

D.I., 20 anni, 08.12.2002

In realtà non scrivo per me ma per una mia amica. Ha la mia età e soffre di anoressia.
La conosco dal primo anno delle superiori e da sempre è stata tendenzialmente triste.
Purtroppo la mia amicizia le ha potuto offrire poco, se non un appoggio o un punto di sfogo, fatto sta che l'anno scorso è stata ricoverata nel reparto psichiatrico di un ospedale. In realtà sono sempre stata diffidente circa questa sua degenza in un ambiente che non faceva altro che condizionarla, essendo esposta anche ad esperienze di diversa dimensione patologica come ad esempio l'isteria o la schizofrenia o comunque contatto con psicotici oltre che persone con i classici disturbi alimentari.
Oggi ho scoperto che è stata dimessa dopo vari tentativi di recupero falliti e finiti in numerosi (4 a quanto ne so io, in due o massimo tre mesi) tentati suicidi che l'hanno ridotta in rianimazione. mi sembra strano che a un caso della sua gravità venga detto "ce la devi fare da sola".
So che a Pisa c'è un centro specializzato proprio per questo tipo di disturbi e sapevo fino a poco tempo fa di un suo prossimo trasferimento lì.
Io vorrei poter fare quacosa ma non so come rapportarmi con lei che mi schiva e non vuole che la telefoni (siamo state amiche inseparabili abbiamo condiviso di tutto), tantomeno con la madre che non sembra capire che la figlia rischia di morire da un momento all'altro, se non per la malattia, certamente per mano propria! vorrei andare a casa sua ed essere schietta ma ora che la mia amica è a casa ho paura di perdere la sua fiducia e ogni contatto, visto che ogni tanto con me si sfoga ancora.
Cosa posso fare non riesco a stare con le mani in mano. non potrei mai perdornarmi di essere stata a guardare mentre la mia migliore amica si distrugge con le sue mani.
Se vi può servire non so per certo cosa le abbia provocato tutto questo, ma so che a pochi anni, tra i 6 e gli 8, ha subito una molestia sessuale da un adulto-da quando la conosco ha avuto sempre rapporti conflittuali con gli adulti-ha avuto una bruttissima esperienza scolastica essendo stata bocciata ingiustamente- lo dico perchè lo so per certo- anche se poi è riuscita a recuperare l'anno e adiplomarsi insiema alla mia classe alla quale è rimasta sempre molto legata; ha avuto una brutta esperienza amorosa con un ragazzo che l'ha sfruttata ed io inutilmente ho crecato di farle aprire gli occhi, solo che poi se ne è resa conto e ne ha sempre parlato con tranquillità.
E' molto sensibile e si fa troppo carico dei problemi e delle sofferenze degli altri, anche se non li conosce. Spero mi rispondiate perchè non so davvero cosa fare!grazie.

Carissima D.I., sicuramente la tua amica è una persona sensibile, forse troppo, visto i disturbi di cui soffre, che in genere, appunto, riguardano le persone con una forte sensibilità e con un’anima, magari ferita, ma che pulsa.
Ma sicuramente ha un’amica altrettanto sensibile e che le vuole veramente bene: per questo penso che tu debba fidarti della tua sensibilità e del tuo affetto per avvicinarti a lei e per riuscire a trovare il modo per comunicarle quanto hai da dirle e da darle.
Il disturbo di cui soffre sembrerebbe piuttosto grave, a quanto dici, e capisco che non debba essere facile ne’ per te ne’ per lei riuscire ad affrontarlo … Di solito queste persone si chiudono, provano vergogna del proprio stato e spesso per questo motivo tagliano i rapporti con gli amici, anche con i più cari.
Ma questo non è un bene, e riuscire a far breccia in questo muro difensivo significa aiutarle ad affrontare nuovamente la vita, dargli stimoli, valori e affetti su cui poter fare affidamento.
Credo dunque che tu faccia bene a seguire il tuo desiderio di entrare in contatto con lei, è giusto per te prima di tutto, perché hai voglia di farlo, e spero anche per lei, che vedrà confermato il tuo affetto e la tua vicinanza.
Non aver paura, o almeno non troppa, su come rapportarti alla tua amica. Trattala come sempre, e soprattutto come ti viene. Non le nascondere le cose, cerca di essere sincera. Anche se ti fa arrabbiare, cerca di dirglielo.
La falsità non fa bene a chi soffre di disturbi psicologici in generale, e a chi ha disturbi nella sfera alimentare a maggior ragione. Soprattutto non pensare di avere sulle tue spalle la responsabilità della sua salute; di quella la responsabilità è sua, sua soltanto. E questo forse lei lo deve ancora capire.
Credo che un percorso psicoterapeutico potrebbe aiutarla a capire proprio questo, e le sarebbe di grandissimo aiuto. I farmaci da soli non aiutano ad assumersi la responsabilità della propria esistenza. Ti auguro di riuscire a starle vicina, perché questo, già di per se, le darebbe una mano. Bisogna vedere se è pronta ad afferrarla, e questo non dipende da te.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, form...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

News Letters