Pubblicità

Anoressia (061217)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 186 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Salvatore 36 anni, 15.01.2003

Salve, avrei bisogno di un consiglio riguardante la mia ragazza.
Credo che soffra di anoressia! E' un periodo che mangia sempre meno e ieri mi ha confessato il suo rifiuto al cibo! Credo sia una forma di anoressia psicologica dovuta ad un'infanzia ed una situazione familiare turboenta! I suoi genitori sono separati! Ora che posso fare? Io come devo comportarmi! Posso aiutarla in qualche modo! Come le devo stare vicino! Ho paura di dire o fare cose che possa peggiorare la situazione! Grazie Mille

Carissimo Salvatore, purtroppo non è facile riuscire ad aiutare le persone che soffrono di disturbi psicologici, soprattutto perché sono loro a dover rendersi conto di avere dei problemi e a dover decidere di chiedere aiuto a qualcuno.
Finchè non sono consapevoli di questo e non lanciano una qualche richiesta di aiuto, gli interventi dall’esterno sono spesso destinati a fallire.
Non credo che sia il caso che tu cambi i tuoi comportamenti nei suoi confronti, né che tu abbia paura di peggiorare la situazione: la situazione nella quale si trova dipende esclusivamente da lei, e da lei dipenderà la capacità di risolverla o meno.
Quello che tu puoi fare è cercare di confrontarti con lei, parlarle, anche delle tue difficoltà, e starle vicino, così come stai facendo. Anche spronarla a fare qualcosa se la situazione ti preoccupa. Ma non sentirti responsabile del suo stato, perché altrimenti rischi di non riuscire più a rapportarti a lei in modo naturale.
Naturalmente l’aiuto di uno psicoterapeuta in questi casi è la cosa più indicata; bisogna vedere se lei avrebbe voglia di iniziare un confronto sincero con le sue problematiche interne. Se trovi il modo giusto, puoi tentare di proporle questa opportunità.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

News Letters

0
condivisioni