Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Anoressia (08012000)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 157 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesca, 17 anni (8.1.2000)

Mi chiamo Francesca G., sono una ragazza di 17 anni che vive nel nord dell'Italia. In base a curiosità, interesse personale, ma anche in ambito scolastico sono interessata alla psicologia. In particolare mi piacerebbe conoscere la relazione esistente tra psiche e problemi alimentari, in particolare l'anoressia. Inoltre mi piacerebbe sapere chi svolge tali studi e in che modo sono effettuati, se cioe' per una malattia cosi' moderna..( se è possibile definirla tale) sono considerati basilari gli studi di Freud. Ringrazio l'attenzione.
Aspettando con interesse la vostra risposta porgo i miei più cordiali saluti.

Per le domande che lei pone non si possono dare delle risposte esurienti in poche righe, comunque tenterò di fornirle delle brevi informazioni.
Per quanto riguarda il 1° punto la domanda è troppo genericae credo mal posta. Posso dirle che un rapporto tra psiche e disturbo è sempre presente, persino in quei casi di malattie prettamente a base organica. Inoltre non bisogna mai generalizzare e ogni disturbo va letto relativamente alla persona che ne è affetta. Certo, ci sono delle teorie cui far rfiferimento ma, non bisogna mai dimenticare che ogni paziente tra virgolette, è unico. Il discorso, come vede, quindi, è molto ampio e le interpretazioni circa l'anoressia sono molteplici: disfunzione del lobo temporale anteriore del cervello, una malattia genetica, la conseguenza di eventi stressanti, un abbassamento del livello di serotonina ma, anche, fortunatamente una manifestazione a causa psicologica.
Per quanto riguarda il 2° punto: gli studi, in questo campo, possono essere diversi poichè diversi sono gli aspetti cui si può far riferimento, storico, medico, clinico, antropologico etc. Anche questa seconda domanda richiederebbe una risposta lunga e approfondita, posso solo dirle che vi sono diversi testi che trattano di questo argomento da più punti di osservazione. (Mara Selvini Palazzoli "L'anoressia Mentale" Ed.Feltrinelli - impostazione sistemico-relazionale / Sante Anoressiche purtroppo però non ricordo nè l'autore nè l'edizione)
L'anoressia è una malattia? Secondo una nota psicoanalista, Simona Argentieri, non si può più parlare di una malattia in senso stretto ma di un sintomo che può sottendere molte altri aspetti sia patologici gravi, meno gravi, che uno squilibrio psicofisico nell'ambito della cosiddetta norma.
Gli studi di Freud sono basilari? Basilare certamente è stato il suo lavoro come pionere ma, da allora gli studi sono andati avanti, fermo restando, ovviamente il significato fondamentale della sua opera.
Per quanto riguarda Freud....Egli si confrontò con il problema dell'anoressia in "Un caso di guarigione ipnotica" (1893), poi in "Studi sull' Isteria, il caso di Emmy von N" (1895) Nei primi lavori F. pone, anoressia e isteria direttamente in connessione, facendo dell'isteria un sintomo di conversione. Da queste ed altre osservazioni cliniche, F. pone sempre l'accento sull'aspetto depressivo e nel gennaio 1895 scrive "La nevrosi alimentare parallela alla melanconia è l'anoressia". In sostanza afferma che l'anoressia sembra essere una forma di melanconia che si sviluppa lì dove la sessualità non è sviluppata. Perdita dell'appetito, in termini sessuali, corrisponde, secondo F. alla perdita della libido.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che fare? (1520934157214)

Roberta, 26     Buongiorno, sto insieme al mio ragazzo da 5 anni e dopo alcuni alti e bassi, circa 6 mesi fa abbiamo deciso di provare a vivere i...

Amore non corrisposto (152165…

very, 19     Salve, le scrivo perchè non riesco a liberarmi di una persona... ...

Senso di vuoto (1521458836682)

Cristina, 16     Buongiorno. Sono una ragazza curiosa, tranquilla, un po' sognante, mi dicono matura per la mia età e non sono proprio la person...

Area Professionale

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

La misura del cambiamento in p…

Il Test semiproiettivo I.Co.S. (Indice del Confine del Sé), in quanto strumento capace di rilevare efficacemente e dettagliatamente lo stile di gestione delle r...

La Psicoterapia Psicodinamica…

La prestigiosa rivista “The American Journal of Psychiatry” ha pubblicato nuovi dati meta-analitici che confermano come l'efficacia della psicoterapia psicodina...

Le parole della Psicologia

Blesità

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente ...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

News Letters

0
condivisioni