Pubblicità

Anoressia (08012000)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 191 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesca, 17 anni (8.1.2000)

Mi chiamo Francesca G., sono una ragazza di 17 anni che vive nel nord dell'Italia. In base a curiosità, interesse personale, ma anche in ambito scolastico sono interessata alla psicologia. In particolare mi piacerebbe conoscere la relazione esistente tra psiche e problemi alimentari, in particolare l'anoressia. Inoltre mi piacerebbe sapere chi svolge tali studi e in che modo sono effettuati, se cioe' per una malattia cosi' moderna..( se è possibile definirla tale) sono considerati basilari gli studi di Freud. Ringrazio l'attenzione.
Aspettando con interesse la vostra risposta porgo i miei più cordiali saluti.

Per le domande che lei pone non si possono dare delle risposte esurienti in poche righe, comunque tenterò di fornirle delle brevi informazioni.
Per quanto riguarda il 1° punto la domanda è troppo genericae credo mal posta. Posso dirle che un rapporto tra psiche e disturbo è sempre presente, persino in quei casi di malattie prettamente a base organica. Inoltre non bisogna mai generalizzare e ogni disturbo va letto relativamente alla persona che ne è affetta. Certo, ci sono delle teorie cui far rfiferimento ma, non bisogna mai dimenticare che ogni paziente tra virgolette, è unico. Il discorso, come vede, quindi, è molto ampio e le interpretazioni circa l'anoressia sono molteplici: disfunzione del lobo temporale anteriore del cervello, una malattia genetica, la conseguenza di eventi stressanti, un abbassamento del livello di serotonina ma, anche, fortunatamente una manifestazione a causa psicologica.
Per quanto riguarda il 2° punto: gli studi, in questo campo, possono essere diversi poichè diversi sono gli aspetti cui si può far riferimento, storico, medico, clinico, antropologico etc. Anche questa seconda domanda richiederebbe una risposta lunga e approfondita, posso solo dirle che vi sono diversi testi che trattano di questo argomento da più punti di osservazione. (Mara Selvini Palazzoli "L'anoressia Mentale" Ed.Feltrinelli - impostazione sistemico-relazionale / Sante Anoressiche purtroppo però non ricordo nè l'autore nè l'edizione)
L'anoressia è una malattia? Secondo una nota psicoanalista, Simona Argentieri, non si può più parlare di una malattia in senso stretto ma di un sintomo che può sottendere molte altri aspetti sia patologici gravi, meno gravi, che uno squilibrio psicofisico nell'ambito della cosiddetta norma.
Gli studi di Freud sono basilari? Basilare certamente è stato il suo lavoro come pionere ma, da allora gli studi sono andati avanti, fermo restando, ovviamente il significato fondamentale della sua opera.
Per quanto riguarda Freud....Egli si confrontò con il problema dell'anoressia in "Un caso di guarigione ipnotica" (1893), poi in "Studi sull' Isteria, il caso di Emmy von N" (1895) Nei primi lavori F. pone, anoressia e isteria direttamente in connessione, facendo dell'isteria un sintomo di conversione. Da queste ed altre osservazioni cliniche, F. pone sempre l'accento sull'aspetto depressivo e nel gennaio 1895 scrive "La nevrosi alimentare parallela alla melanconia è l'anoressia". In sostanza afferma che l'anoressia sembra essere una forma di melanconia che si sviluppa lì dove la sessualità non è sviluppata. Perdita dell'appetito, in termini sessuali, corrisponde, secondo F. alla perdita della libido.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Inconscio

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza Il termine inconscio (dal latino in- cons...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Intelligenza Emotiva

"Si tratta delle capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustazioni; di controllare gli impulsi e rimandare la...

News Letters

0
condivisioni