Pubblicità

Anoressia (21112002)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 155 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Angela 23 anni, 21.11.2002

Buona sera, sono una studentessa di psicologia di 23 anni e scrivo per un problema che riguarda una mia amica d'infanzia, Graziella. L'anno scorso ho perso i contatti con Graziella, e quando l'ho rivista mi ha colpito quanto era dimagrita.
Mi ha confessata di "avere fatto qualche cavolata" ovvero vomitare ma di avere fatto anche tanto esercizio fisico.
Vedo che tuttora Graziella continua a dimagrire eccessivamente, mangia un pasto al giorno e va ogni giorno in palestra.
Ogni volta che cerco di parlare con lei dell'argomento sento che mi allontana, e non è quello che voglio. Quello che voglio è starle vicina e farle sentire che ci sono ma vorrei anche poterla aiutare più concretamente.
Mi sento male perchè non mi so quanto il mio aiuto possa servirle.

Non è chiaro cosa voglia sapere. Le dico solo che se vuole bene alla sua amica le resti comunque vicino al di là del fatto se la sua presenza è utile o meno alla risoluzione del problema.
Una persona che soffre di disturbi dell'alimentazione, in particolare di anoressia nervosa, molto difficilmente accetta di parlarne perchè quasi mai accetta che quel modo di alimentarsi costituisca un problema, anzi! Deve avere molta pazienza e sopportare la frustrazione di non riuscire a cambiare la situazione nel breve periodo.
Cerchi di non essere mai troppo giudicante ed affronti, per il momento, la situazione in modo indiretto per evitare che la sua amica, per paura, si allontani. Da sola, comunque, non può esserle di grande aiuto. I genitori, per esempio, sono a conoscenza del problema? Molto probabilmente no. La sua amica ha sicuramente bisogno di aiuto ma non è assolutamente facile farle prendere coscienza di questo in quanto il disturbo anoressico è il modo che la sua amica ha trovato per affrontare il suo disagio. Rappresenta, cioè, la risoluzione ottimale a tutti i suoi problemi. La presenza del bisogno di vomitare potrebbe nel tempo rappresentare un elemento di disturbo tale da indurre la sua amica a chiedere aiuto.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni