Pubblicità

Anoressia-ansia (015999)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 207 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara, 24 anni

Buongiorno, vorrei raccontare la mia storia per poter aver qualche consiglio riguardante la situazione che sto vivendo. E' quasi da un anno che sono uscita dal tunnel della bulimia-anoressia,dopo lunghi 9 anni...ora che,incomincio a capire il vero valore della vita ed ora che mi rendo conto di essermi distrutta con le mie stesse mani,la paura che ho di affrontare la realtà,di vivere le rabbie ed i dispiaceri senza utilizzare l'unica valvola di fogo,il vomito..mi spaventa e mi rende statica.

E' da qualche mese che soffro d'ansia,ora che sono al massimo della vita,ho il terrore di morire,cosa che non accadeva quando stavo male realmente,perchè non mi rendevo conto della situazione.ho paura di uscire,talvolta mi rinchiudo in casa tutto il giorno,con un nodo in gola che sembra qualcuno mi stia per soffocare...poi però mi lamento anche di questo..di esser sempre a casa..ho abbandonato lo sport,cosa per me di vitale importanza,per timore che mi possa accader qualcosa.

Tutto questo comporta che non mi vedo proprio,ho ancora qualche strascico di anoressia che non accetta quei kg di troppo che ho messo su causa l'inattività.insomma è tutto una catena. Ho ancora l'aiuto della mia dottoressa, ma vorrei qualche consiglio al di fuori del suo,per vedere cosa posso fare per uscire al più breve da questa situazione che non mi fa vivere come vorrei e non mi fa sentir bene con me stessa.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Cara Sara, probabilemente la guarigione non è avvenuta completamente. capita spesso che dei sintomi si allontanino ma per lasciare spazio ad altri. E' come se lei inconsciamente non volesse guarire, come se ci fossero ancora delle zone d'ombra da chiarire, e cos' i sintomi non le permettono di prendere in mano la sua via. Quello che deve fare è affidarsi ma soprattutto fidarsi della dottoressa che la segue. parli con lei delle sue paure e con il tempo, un valido aiuto e tanta volontà riprenderà a gestire la sua vita. Cordialmente

 

( risponde la dott.ssa Anna Maria Casale )

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

 

Tags: ansia anoressia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la filosofia etica legata alla ricerca...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

News Letters

0
condivisioni