Pubblicità

anoressia-bulimia (47147)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 135 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Valentina, 19anni (10.1.2002)

Ho 19 anni sono figlia unica maturità classica frequento molto malvolentieri l'università lavoro come assistente di 1anziana e sono cameriera.sono stata lasciata da 1ragazzo dal quale sono dipendente mi ha sempre trattata 1straccio e non riesco a legare con nessun altro.sono bulimica e poi anoressica da quasi 6 anni.ho fatto il liceo malvolentieri,ho fatto 1 anno di psicoterapia ma ho smesso ad aprile.se ingrasso 1kg mi dispero vomito digiuno o mi riempio di lassativi.sono perfezionista e pretendo molto da me.apparentemente sono molto calma poi mi sfogo trattando male i miei cin mio padre non vado daccordo con mia madre ho 1rapporto molto intimo le dico tutto.alterno periodi euforici a depressioni.penso anche al suicidio ma so che non lo farei mai.mi dicono che sono bella e intelligente ma mi sento sempre inferiore rispetto alle altre.le mie condizioni di salute sono peggiorate.ho gola e pancia molto ingrossate e problemi di vescica e reni legati alla malattia.so che dovrei entare in terapia,ma non trovo la forza.sono diffidente e stupidamente convinta che posso farcela da sola.sono troppo infelice,voglio tornare solare come 1 volta.aiutatemi vi prego

Cara Valentina, forse potrai farcela da sola a vincere la tua malattia, sembri una persona sensibile e attenta a quello che ti succede; ma 6 anni sono tanti Valentina, e una psicoterapia ti aiuterebbe a velocizzare il tuo percorso di crescita e ad approfondire ciò che fino ad ora hai scoperto di te stessa. Penso che sia un tuo dovere garantire a te stessa una vita più soddisfacente, e per far questo devi mettere da parte il tuo orgoglio e cercare di considerare che ci sono persone alle quali ci si può affidare. Il lavoro psicoterapeutico, Valentina, si basa sulla relazione, ed è attraverso la relazione con un'altra persona che funge da "specchio" che si giunge a "vedersi" e a risolvere i propri conflitti interni. Per fare un vero e proprio lavoro di introspezione questo è indispensabile. Il lavoro che una persona può fare su di sé da sola, è altra cosa. A volte è sufficiente, ma non quando i problemi rendono così dolorosa la propria esistenza. In questo caso bisogna avere il buon senso e anche il coraggio di farsi aiutare. Fai un piccolo sforzo. Ne vale la pena. In ballo c'è la tua vita.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Parafrenia

Sindrome psicotica, caratterizzata da vivaci allucinazioni (per lo più uditive, ma anche visive, tattili, olfattive, ecc.) e da idee deliranti, associate a di...

News Letters

0
condivisioni