Pubblicità

anoressia-bulimia (49597)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 171 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Bimba, 17anni (13.4.2002)

Buonasera.Sono una ragazza di 17 anni che dall'eta di 14 soffre di disturbi alimentari.Mi spiego:a 14 anni dopo essere stata lasciata dal mio primo ragazzo ho iniziato a vomitare,ma la cosa nn mi allarmava poiche succedeva saltuariamente.Dopo un successivo abbandono a 16 anni sono nati i primi problemi...ho iniziato una mia dieta:insalata scondita a pranzo e un pesoforma a cena....pesavo 60kg x 168cm di altezza e dopo 2 mesi di dieta pesavo 50 kg per poi pesare 47 kg.La situazione era divenuta insostenibile a causa delle pressioni dei miei genitori,amici e insegnanti ma la cosa nn mi turbava.Se non per il fatto che dopo poco tempo mio fratello ha una crisi di epilessia e io vengo incolpata di essere la causa del suo malessere perche fonte di preoccupazione.I rimorsi mi attanagliavano ma allo stesso tempo nn volevo ingrassare per questo ho pensato di riattuare la vecchia pratica del vomito...da quel giorno e trascorso un anno e qualche mese e solo da pochi giorni ho deciso di gettarmi alle spalle l'orrenda malattia che mi stava uccidendo.So che neanche ora sono guarita perche ho ripreso la dieta dell insalata scondita e alcune volte ricado nelle crisi di bulimia.Le chiedo un aiuto ma La prego di nn consigliarmi uno psicologo perche nn voglio essere un peso per nessuno e soprattutto perche non voglio parlarne con nessuno...mi basta solo una parola di conforto...GRAZIE!

Le parole di conforto non servono a risolvere il problema che è altrettanto serio come l'epilessia di suo fratello. Entrambe le malattie, epilessia e disturbi del comportamento alimentare vanno curate perchè comportano seri rischi per la salute. Perchè non parlarne con nessuno? Non bisogna vergognarsi di chiedere aiuto. Essere in grado di farlo è segno di forza e coraggio. Non vuole essere di peso a nessuno......, allora può informarsi presso la sua ASL a chi può rivolgersi per problemi come il suo. Non sottovaluti la gravità del suo disturbo che può distruggerle la vita.L'unica parla di conforto che posso dirle è che comprendo la sua sofferenza. Un'altra cosa importante è cercare di comprendere che lei non c'entra assolutamente nulla con il disturbo di suo fratello, ma non aspetti e parli, mi dispiace dirglielo con uno psicologo. Intanto può iniziare a leggere il manuale di auto-aiuto "Alle mie pazienti dico" di Riccardo Dalle Grave Ed. Positive Press.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Manierismo

Questo termine sta ad indicare un uso dei mezzi espressivi eccessivo e sovraccarico, cioè una mimica, un comportamento ed un linguaggio privi di naturalezza o s...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

News Letters

0
condivisioni