Pubblicità

Anoressia e Bulimia (1105)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 229 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Denis DV (11.5)

 Innanzitutto vorrei complimentarmi per il sito di Psicoline, che ho immediatamente votato al premio www.
Vorrei porre alla Vostra attenzione questa storia.
La mia ragazza (da quasi quattro anni) soffre da circa 9 anni di anoressia nervosa.
Dopo molti ricoveri tra ospedali e cliniche, l'anno scorso, probabilmente a causa della paura di morire presa durante una grave crisi, ha deciso di segure la linea proposta dallo psicologo del centro da cui è seguita.
Da quì l'aumeno del peso, e un periodo di circa quattro mesi in cui stava bene.
Circa un mese fà aveva cominciato anche a prendere psicofarmaci per aiutarla in questo suo processo di guarigione.
Ora invece ha cominciato a dire che lei non può e non deve stare bene.
Ha ricominciato a restringere l'alimentazione perchè dice che così dà risultati migliori al lavoro, ma sopratutto ha cominciato a procurarsi bruciature di sigaretta sul braccio, e a prendere 40 gocce di Lexotan in una volta sola, oltre a minacciare di andarsene di casa.
Dice che questo è l'unico sistema perchè la gente che le stà vicino la ascolti e capisca che queste cose lei è capace di farle, e quindi si ritiene forte e decisa.
Il fatto è che noi tutti siamo sempre pronti quando lei ha bisogno, e queste cose non le ritengo certo necessarie, ma lei dice che quando si trova da sola non riesce a fare di meno di bruciarsi.
Telefona per ore alle sue amiche, per combattere i momenti in cui è sola, per non parlare dello psicologo che la segue a cui si è affezzionata in modo quasi morboso.
Lui mi consiglia di non dare corda alle cose che lei fà, non prendermela e far finta di niente in modo che lei capisca che questo non serve a niente e tantomeno ad attirare l'attenzione.
Certo che è difficile vedere un braccio pieno di bruciature e rimanere impassibili.
Voi cosa ne pensate di tutto questo, come devo comportarmi ?
Grazie

L’anoressia è un disturbo del comportamento alimentare e ci sono diversi approcci per affrontare questo tipo di patologia, da quello cognitivo-comportamentale a quello ad orientamento psicoanalitico. Nella sua lettera non è specificato quale tipo di psicoterapia sta seguendo la sua ragazza.
In ogni caso da parte sua può solo cercare di convincerla a continuare la psicoterapia con più assiduità e convinzione, tenendo presente che questo tipo di patologia prevede tempi lunghi di risoluzione ed è quindi necessario essere particolarmente pazienti.
Certamente il quadro che ci descrive sembra mostrare molti punti controversi che andrebbero maggiormente approfonditi poichè la sintomatologia che ci descrive potrebbe far riferimento a diverse forme morbose e quindi a diverse diagnosi e quindi, ancora, a diversi tipi di trattamento. Ma prendendo per buona la diagnosi già fatta, e cioè quella di anoressia, il consiglio che le è stato dato sembra essere il migliore, anche se applicarlo richiede poi tanta, ma tanta pazienza ... che non sempre è disponibile.
Comunque perseveri nello sforzo e attenda con fiducia i risultati.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati. Anatomica...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni