Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Anoressia e Bulimia (165320)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 470 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anna, 50 (165320 )

La mia Storia: Buongiorno, sono la mamma di una ragazza di 22 anni che soffre di anoressia/bulimia da circa due anni. E' già stata ricoverata più volte ma ancora la sua ossessione rispetto al cibo è forte.
Oggi, per la prima volta mi dice che a volte ruba biscotti nei supermercati. Sono rimasta meravigliata, non pensavo che questa malattia "bastarda" la portasse a tanto. La domanda che le vorrei fare è la seguente: mia figlia dice che rispetto alla malattia, il fatto di rubare non è niente e mio marito è della stessa idea: "per un pacchetto di biscotti" dicono.
Per me rubare è sempre rubare anche se si tratta di pochi euro. Ovviamente ho discusso con mio marito. Io mi chiedo e le vorrei chiedere: se questa malattia rende schiava mia figlia non trovo giusto che "schiavizzi" anche noi. Io non voglio colpevolizzare mia figlia, ma metterla di fronte alle sue responsabilità e soprattutto, se la malattia possiede lei, non possiede me è allora le posso tranquillamente dire che: non si ruba e se la voglia di biscotti è
incontrollabile allora i biscotti si pagano come è giusto che sia.
La ringrazio se vorrà scrivermi due righe in proposito. Anna

Buongiorno Anna,
i disturbi del comportamento alimentare sono una problematica estremamente complessa che purtroppo impedisce di agire con razionalità ma spinge ad essere comandati dall’impulso e purtroppo dall’autodistruzione. Nessuno può dirle cosa sia giusto o sbagliato nell’educazione, certamente se lei ha dei principi forti e un rispetto per le regole è fondamentale che porti questo messaggio anche a sua figlia sarà poi lei stessa a decidere se seguire tali insegnamenti o scostarsene. Il fatto che soffra di anoressia e bulimia non impedisce l’affrontare altri argomenti che voi o lei riteniate importanti.
Essere madre di una giovane figlia anoressica o bulimica è molto impegnativo e spero possa trovare conforto e sostegno anche per quello che sta passando ed attraversando come madre. In caso di necessità resto disponibile per ulteriori confronti.
Un caro saluto dr.ssa Bonomi


(Risponde la Dott. ssa Luisa Bonomi)

 

Pubblicato in data 20/11/2014

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o...

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

News Letters

0
condivisioni