Pubblicità

Anoressia e bulimia (1724)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 191 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sabry, 22 anni

Ho 22 anni, sono alta 1.75 e peso 60.8 kg, ho scritto precisando i grammi perchè è proprio questo il mio problema. Ho sempre avuto problemi con il mio fisico, dovuti ad una fame nervosa irrefrenabile per la durata di tutta la mia adolescenza, tendendo sempre ad "arrotondare" le mie forme, e questo non ha dato mai problemi agli occhi degli "altri", ma solo ai miei... Da circa un anno sono fidanzata con un bel ragazzo che è morbosamente fissato per il fisico, suo e delle donne, ben delineato, esile al punto giusto,magro ma muscoloso. Per paura di perderlo per colpa del mio aspetto fisico, ho iniziato a fare diete. Ho visto dopo un paio di mesi i risultati di cui personalmente sono entusiasta, ma ancora a lui non vado bene... mi fa notare, facendomi sentire una vera schifezza, i rotolini che da qualche parte va a scovare, i grammi di pasta che sto mangiando, le calorie di quel dolcetto... tutto questo mi sta sovrastando! Mi peso ogni mattina e se ho un solo grammo in più impazzisco, mi rovino la giornata, non mangio pur sentendo il bisogno irrefrenabile di farlo,oppure mangio all'inverosimile e poi mi vengono i sensi di colpa, penso al cibo ogni istante, me lo sogno, ma se solo provo a parlarne con lui mi dice che gli faccio schifo per i pensieri che ho. Alcune volte penso al cibo in modo libidinoso, altre lo odio... vorrei vivere di sola aria! Una mia amica ha paura che io mi stia ammalando... ma io non me ne rendo conto, o per meglio dire alcune volte mi rendo conto di sbagliare, altre penso che lui abbia completamente ragione... mi sembra di essere due persone. Vorrei sapere se secondo esperti quali siete, è come pensa la mia amica, o è solo un brutto momento? Grazie di cuore.

Cara sabry, se non avesse questo rapporto sentimentale, il suo corpo sarebbe comunque un problema? A giudicare dai numeri lei è al limite superiore del sottopeso. Dunque, sempre secondo le tabelle, le mancano 5 kg per raggiungere il peso forma, che dovrebbe essere 65 kg. Se poi le piace essere più asciutta, il suo peso attuale va benissimo, e forse il problema non è suo ma del suo ragazzo. E' sicura di volere a fianco una persona che la svaluta continuamente? Si ricordi che chi critica gli altri lo fa perchè è molto insicuro, ha di solito un' autostima molto bassa. Se le vuol bene, la accetterà com'è. Sennò credo che valga di più la sua salute di lui. Ci sono ottimi medici- dietologi specializzati in disturbi alimentari a cui potrebbe rivolgersi per un colloquio di valutazione, e un aiuto. In bocca al lupo!

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

News Letters

0
condivisioni