Pubblicità

Anoressia e Depressione (166295)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 723 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sofia, 16

D

 

 

Salve,
Mi chiamo Sophia. Da un po' di tempo ho notato dei cambiamenti in me. Faccio fatica a sopportare le persone (in generale), mi irrita solo sentirle parlare. Mi sento malinconica e triste, anche se non so il motivo. Da un po' di tempo non riesco a divertirmi. Amavo ballare e pattinare sul ghiaccio, ma ora non provo quasi più niente nel
farlo. Alle volte mi sento molto apatica. Ho pensato più volte al suicidio, l'ho organizzato più volte nei dettagli.. Nelle giornate in cui mi sento più positiva penso e ripenso a come sarebbe se scappassi di casa (anche qui,ho immaginato tutti i dettagli).

Ho problemi di peso. Qualche mese fa pesavo 57.8, ora 46. Decisi di mettermi a dieta, anche perchè mia mamma e mia sorella mi hanno ripetuto più volte che ero troppo grassa. Ora vivo nel terrore del ri-ingrassare. Controllo le calorie di tutti gli alimenti e le segno su un'app fitness. Ho portato avanti una dieta delle 500 kcal per più di un mese, ma ora ne assumo 1400 circa. Mia madre continua a stressarmi sul peso, dice che sono troppo magra. Abbiamo litigato molte volte. Lei adesso crede che io pesi 47.5/48, ma non sa che prima di pesarmi bevo un litro e mezzo di acqua. Tutto questo perchè ho paura. A volte mi tormento pensando di aver mangiato troppo. Non so più cosa fare... Mi sento troppo sotto pressione con i miei famigliari che vogliono che io mangi di più e che ingrassi! Non posso andare da nessun psicologo,perchè dovrei essere accompagnata da un'adulto, ma sinceramente non voglio che i miei genitori sappiano queste cose. Ho paura. Cosa posso fare? Ho qualche problema mentale?? Posso guarire da me?
La ringrazio in anticipo e spero in una sua risposta.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità


R

 

Gentile Sofia, la situazione in cui ti trovi non è semplice. Ma non lo è perchè tu non sai gestirla e ti lasci trasportare da pensieri brutti e nocivi. Parla con i tuoi e chiedi di andare da uno psicologo. E' vero che hai 16 anni, ma è anche vero che esiste in ogni caso il segreto professionale: anche se lo psicologo sarà tenuto ad informare i tuoi sul tuo stato di salute, per nessun motivo potrà riferire racconti, confidenze ed episodi che tu racconterai in seduta. Per lo più vi metterete d'accordo su cosa dire e come dirlo ai tuoi genitori. Non temere. Chiedi aiuto alla persona giusta e vedrai che andrà tutto bene.


(Risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

 

Pubblicato in data 07/08/2015

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni