Pubblicità

Anoressia (forse)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 250 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Paola, 34 anni (28.10.99)

Buonasera,Mi chiamo Paola, ho 34 anni sono sposata (felicemente) ho 2 bambini stupendi e peso 35 kg.Sono di costituzione minuta, non sono mai stata "grassa" ma neanche così magra.
Al termine di entrambe le gravidanze sono diminuita di 2 kg dal peso iniziale.
Ormai le mestruazioni mi vengono 1 volta ogni 2/3 mesi, sono brevissime (2/3 gg.) e di flusso leggerissimo - mai rosso vivo.
Ho sempre mangiato "abbastanza", ultimamente mangio molto poco.La colazione è composta da un caffè volante e una brioche in ufficio.
Il pranzo è praticamente inesistente, la cena è composta la maggior parte delle volte solo da un piatto di pastasciutta. Tra l'altro ultimamente la pastasciutta riesco a mangiarla solo in bianco, al burro o all'olio.
Il mio peso massimo è stato 43 kg. quindi 8 kg in più rispetto a quello attuale.Ho dei capogiri, sono infelice, non mi guardo mai allo specchio, quando faccio la doccia mi lavo senza guardarmi, non riesco più ad avere una serena vita sessuale con mio marito nonostante lui mi dica che sono comunque bellissima (!!!).
Adoro i miei bambini (una a scuola e l'altro al nido) , faccio un lavoro che odio, che non mi piace e non mi da nessuna soddisfazione. Non ho più voglia di fare niente neanche di caricare la lavatrice. Ho lasciato andare la casa e, fortunatamente, l'ha presa in mano mio marito, lava...stira...cucina ecc. (tutto dopo aver duramente lavorato tutto il giorno) e non me lo ha mai fatto pesare.
Ho paura, quando mi rendo conto che, probabilmente, andando avanti così rischio di morire ho paura.Vi prego.....aiutatemi.
Grazie.

Mi pare, anche se azzardare una diagnosi così a distanza è praticamente impossibile, ripeto, mi pare, che tu soffra più di una forma di deperimento organico che di anoressia. Il quadro che presenti è di tipo depressivo e può darsi che anche il tuo dimagrimento sia una manifestazione della depressione. Credo che tu debba consultare uno specialista al più presto possibile.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

News Letters

0
condivisioni