Pubblicità

Anoressia nervosa (152766 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 414 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stephanie, 23

Gentile Dottore,
sono una ragazza di 23 anni e credo di soffrire di anoressia nervosa.
Ho avuto problemi di ipertiroidismo e per questo ho perso molto peso nonostante mangiavo in continuazione, ma adesso la mia tiroide lavora correttamente, ma ora cerco di non mangiare cose grasse o dolci che mi facciano ingrassare perchè ho paura che non mi andranno più bene tutti i vestiti che ho comprato in questo anno di malattia e ho paura di ingrassare troppo, più di quello che ero prima.
Cerco sempre di mangiare sano e ho sempre fame, ma magari durante il pomeriggio mangio 2 kg di carote però ho fame, ma soprattutto per nervosismo.
Cerco appunto di mangiare cose che non fanno ingrassare. A volte però mi prende quella sensazione di gran fame e mangio 6 panini o altro e poi cerco di non mangiare più fino al giorno dopo... credo sia tutto nervosismo.
Cosa posso fare per tornare ad avere un buon rapporto con il cibo, vorrei tornare normale e felice com'ero prima, perchè ora magari preferisco stare a casa perchè i mie amici vanno a mangiare fuori ma io non vado perchè non saprei cosa ordinare da mangiare dato che sono molto particolare con i cibi cercando sempre quelli che non fanno ingrassare.

Cara Stephanie,
i disturbi del comportamento alimentare quali anoressia o bulimia o NAS (non altrimenti specificato) hanno tutti in comune l'eccessiva attenzione alla forma del corpo o al peso.
Nel tuo caso mi sembra che l'attenzione sia rivolto a mantenere una determinata forma del corpo ovvero quella che ti permette di entrare nei vestiti che hai comprato quando eri malata di tiroide.
Apponto come detto prima eri malata quindi avevi una forma corporea da malata, adesso è impossibile mantenere quel peso esatto e quindi quelle forme.
L'obiettivo di mantenere quella forma ti sfugge perchè chiaramente sei guarita fisicamente.
I comportamenti che stai mettendo in atto invece potrebbero farti perdere peso ancora fino a che non ci sarà più peso da perdere e anche a quel punto non ti sentirai abbastanza magra. Il regime alimentare che stai osservando poi ti porta a delle abbuffate (6 panini) che rischiano invece di farti prendere più peso del necessario, a quel punto un altro rischio è quello di inserire nuovi comportamenti nella tua dieta come il vomito auto indotto per compensare l'abbuffata.
Quello è un problema che sommato a quanto mi riferisci può portarti ad un disturbo del comportamento alimentare molto grave e dal quale è molto difficile uscire. Quello che ti consiglio è di consultare una/un dietologa/o e stabilire un regime alimentare corretto che ti permetta ottenere il tuo peso forma.
Una dieta scritta ti permette di controllare il peso e di non soffrire la fame quindi non mangiare i famosi 6 panini inoltre anche quando esci con gli amici saprai cosa puoi mangiare quindi non ti limiterai ad uscire e manterrai i tuoi amici.
In aggiunta di questo ti consiglio di cominciare a considerare i tuoi abiti attuali come "abiti della malattia" ovvero gli abiti che ti andavano bene quando eri malata, sofferente. Appendili all'armadio e ogni volta che li guardi ricordati che sono il risultato della malattia e sono adatti al tuo "corpo malato". A questi contrapponi i nuovo abiti che poi indosserai e che invece faranno parte del tuo nuovo corpo sano.
Saluti, Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

 

Pubblicato in data 12/09/2012

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

News Letters

0
condivisioni