Pubblicità

anoressia nervosa ( 163045 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 556 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alice , 21

 

Gentile Dottore,
scrivo qui perchè sono molto delusa da me stessa. Sono figlia di genitori separati, mio padre ha problemi di tossicodipendenza da cocaina, non lo vedo da 19 anni. E' una vita che convivo con l'anoressia nervosa, ero una bambina quand'ho cominciato a non mangiare. Vado all'università, do tutti gli esami in tempo, ho pochi amici, ma darei la vita per loro... solo che, mi sento molto in colpa nei confronti di mia madre...la sto facendo preoccupare troppo, dice che sono troppo magra e me lo ripete in continuazione...io non voglio vedere uno psicologo vero, in carne ed ossa, sono timida e non amo parlare dei miei problemi...ma nella mia testa ho una gran confusione...non sono una di quelle scheletriche e irrazionali, purtroppo la componente della realizzazione del problema ce l'ho. Peso 41 Kg per 157 cm, so di non essere a livelli drammatici. Oggi volevo far contenta mia mamma, e allora ho cominciato a mangiare...ma ho mangiato tanto, troppo, mi vergogno a dire quanto e non lo farò...mi sento un baule ora...ho provato ad autoindurmi il vomito ma mi sono fatta schifo subito dopo. NON SONO UNA BULIMICA. Non ho mai vomitato. Non sono una che si abbuffa di regola. Sono una persona ordinata nel mio disordine mentale, ma questa sessione estiva in università mi sta massacrando, il mio ex ragazzo non mi da pace...vorrei mollare tutto ed andarmene. Non voglio peggiorare la mia situazione. So che stasera non mangerò. Forse neanche domani... devo far pace con me stessa per quello che mi sono fatta. Ho già in mente di tornare a casa tardi dopo il lavoro quando l'ora di cena sarà passata da un pezzo, so che rispetterò quel che mi sono prefissata, anche a costo di dover dire una bugia a mia mamma...ho bisogno di un consiglio...è troppo che vivo con quest'angoscia del peso, questa fissa che non ti fa concentrare su altre cose a meno che tu non sia "perfetta". Vi sarei grata se poteste rispondermi.

Cara Alice ,
ti ringrazio per aver avuto la forza di chiedere aiuto in una situazione che mi sembra più complessa di un disturbo alimentare. Infatti da quanto scrivi mi sembra che in famiglia le cose non vadano così bene (papà non si vede da 19 anni) inoltre mi sembra che anche per te come persona ci siano delle difficoltà (scrivi di essere timida e di non amare parlare dei tuoi problemi. Non ami parlarne o credi di non averne il diritto?). In questo periodo poi che sei sotttoposta a forte stress con l'università i comportamenti alimentari potrebbero essere un modo per gestire questa difficoltà. Vorrei farti una domanda: . Quello che ti consiglio è cercare di pensare che vedere uno Psicologo significa incontrare un professionista che ti può aiutare, non è diverso da un medico, ha solo una specializzazione in altro campo. Credo di no. Allora mi chiedo:>. Come hai fatto nello scrivere questo messaggio ti consiglio di fare il primo passo e prendere un appuntamento da uno Psicologo ad indirizzo Cognitivo-Comportamentale e vedrai che una volta superati i primi 2 minuti tutte le tue paure svaniranno e ti potrai sentire finalmente all'interno di un processo di guarigione. Saluti, Mirko Dai Prà

 

(Risponde la Dott. Mirko Dai Prà)

Pubblicato in data 031/07/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Vorrei avere maggiori informaz…

eleonora, 33 anni  Buongiorno. Sono Eleonora, la ragazza di 33 anni che vi ha scritto (la mia domanda è intitolata “La mia vita con gli attacchi di p...

Area Professionale

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Le parole della Psicologia

Sindrome dell’arto fantasma

Il dolore della Sindrome dell'arto fantasma origina da una lesione diretta o indiretta del Sistema Nervoso Centrale o Periferico che ha come conseguenza un...

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

News Letters

0
condivisioni