Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

anoressia nervosa ( 163045 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 227 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alice , 21

 

Gentile Dottore,
scrivo qui perchè sono molto delusa da me stessa. Sono figlia di genitori separati, mio padre ha problemi di tossicodipendenza da cocaina, non lo vedo da 19 anni. E' una vita che convivo con l'anoressia nervosa, ero una bambina quand'ho cominciato a non mangiare. Vado all'università, do tutti gli esami in tempo, ho pochi amici, ma darei la vita per loro... solo che, mi sento molto in colpa nei confronti di mia madre...la sto facendo preoccupare troppo, dice che sono troppo magra e me lo ripete in continuazione...io non voglio vedere uno psicologo vero, in carne ed ossa, sono timida e non amo parlare dei miei problemi...ma nella mia testa ho una gran confusione...non sono una di quelle scheletriche e irrazionali, purtroppo la componente della realizzazione del problema ce l'ho. Peso 41 Kg per 157 cm, so di non essere a livelli drammatici. Oggi volevo far contenta mia mamma, e allora ho cominciato a mangiare...ma ho mangiato tanto, troppo, mi vergogno a dire quanto e non lo farò...mi sento un baule ora...ho provato ad autoindurmi il vomito ma mi sono fatta schifo subito dopo. NON SONO UNA BULIMICA. Non ho mai vomitato. Non sono una che si abbuffa di regola. Sono una persona ordinata nel mio disordine mentale, ma questa sessione estiva in università mi sta massacrando, il mio ex ragazzo non mi da pace...vorrei mollare tutto ed andarmene. Non voglio peggiorare la mia situazione. So che stasera non mangerò. Forse neanche domani... devo far pace con me stessa per quello che mi sono fatta. Ho già in mente di tornare a casa tardi dopo il lavoro quando l'ora di cena sarà passata da un pezzo, so che rispetterò quel che mi sono prefissata, anche a costo di dover dire una bugia a mia mamma...ho bisogno di un consiglio...è troppo che vivo con quest'angoscia del peso, questa fissa che non ti fa concentrare su altre cose a meno che tu non sia "perfetta". Vi sarei grata se poteste rispondermi.

Cara Alice ,
ti ringrazio per aver avuto la forza di chiedere aiuto in una situazione che mi sembra più complessa di un disturbo alimentare. Infatti da quanto scrivi mi sembra che in famiglia le cose non vadano così bene (papà non si vede da 19 anni) inoltre mi sembra che anche per te come persona ci siano delle difficoltà (scrivi di essere timida e di non amare parlare dei tuoi problemi. Non ami parlarne o credi di non averne il diritto?). In questo periodo poi che sei sotttoposta a forte stress con l'università i comportamenti alimentari potrebbero essere un modo per gestire questa difficoltà. Vorrei farti una domanda: . Quello che ti consiglio è cercare di pensare che vedere uno Psicologo significa incontrare un professionista che ti può aiutare, non è diverso da un medico, ha solo una specializzazione in altro campo. Credo di no. Allora mi chiedo:>. Come hai fatto nello scrivere questo messaggio ti consiglio di fare il primo passo e prendere un appuntamento da uno Psicologo ad indirizzo Cognitivo-Comportamentale e vedrai che una volta superati i primi 2 minuti tutte le tue paure svaniranno e ti potrai sentire finalmente all'interno di un processo di guarigione. Saluti, Mirko Dai Prà

 

(Risponde la Dott. Mirko Dai Prà)

Pubblicato in data 031/07/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

News Letters

0
condivisioni