Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ansia (003699)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 71 volte

Silvia, 32 anni

Da sempre credo di essere depressa, come mia madre del resto. Solo che oggi, dopo aver smesso di fumare, (due anni) sono arrivata al mio peso record: 75 chili su 164 cm di altezza. Non sono mai stata filiforme ma adesso mi faccio schifo e non riesco piu' a perdere peso neanche con i farmaci. Sono sempre triste e angosciata, vorrei che gli altri non mi vedessero. Ho difficolta' a parlarne con il mio medico di famiglia perche' se gli dico che mangio fino a schiattare o altro non ci crede, visto che con gli altri sono sempre allegra. La mattina e' per me tragica, il mio primo pensiero e': riusciro' a non mangiare schifezze? Tornero' mai bella come prima? Spero di riammalarmi ancora e non mangiare piu'. In questi due anni la mia tiroide funziona poco (forse per tutti farmaci che ho ingerito per dimagrire) e prendo 75 mg di eutirox la mattina.

Cara Silvia, forse il medico di famiglia non è un esperto in disturbi psicologici, ma non credo che potrà sminuire il suo problema. Comunque, dato che lei ha in famiglia una persona che soffre di depressione, saprà che è una malattia e che si può curare con terapie farmacologiche sempre più specifiche che danno ottimi risultati in breve tempo, con pochissimi effetti collaterali, alle quali deve essere abbinata la psicoterapia. La cosa da fare assolutamente è chiedere un aiuto competente, specifico. Lei ha smesso di fumare, il che denota che la sua forza di volontà funziona bene, ma la depressione, come il disturbo alimentare, non ha niente a che fare, purtroppo, con la volontà. Oltre a questo è anche possibile che ci sia una componente ereditaria. Io le consiglio di rivolgersi a un centro ospedaliero per la cura dei disturbi alimentari, dove uno psichiatra coordina l'equipe di medici e dietologi. In un centro ospedaliero le verranno fatte delle visite di controllo a costo del ticket, sarà possibile trattare sia il disturbo alimentare che la depressione, che ne è statisticamente spesso la causa. E con ottimi risultati. Si fidi di chi ha sperimentato sulla propria pelle. In bocca al lupo!

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il decl...

News Letters