Pubblicità

Ansia e bulimia (170583)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 106 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara 23

Ho 23 anni e da circa 2 anni mi capita di andare a vomitare dopo mangiato o anche in altri momenti della giornata...lo faccio non per dimagrire ma per cacciare via le brutte sensazioni, la rabbia, l' insoddisfazione, la tristezza, il dolore, è un modo per sfogarmi, ma non lo faccio sempre, a volte sono trascorsi mesi senza che lo facessi. Forse e dovuto alla mia storia d'amore che mi ha dato motivo di ansia e 3 settimane fa ho lasciato il mio ragazzo per capire se sto meglio senza di lui. In effetti da qualche giorno non vomito (da dicembre avevo ripreso a farlo spesso)...pero spesso ne sento il bisogno per liberarmi dal senso di angoscia. A parte questo, la mia vita si puo dire perfetta, con la famiglia tutto bene, sono laureata.In realtà sono sempre stata ansiosa e sin da piccola l'ansia a volte mi portava nausea e vomito, ma raramente, solo per gli esami o situazioni simili. Da 2 anni invece il vomito lo autoinduco in molte situazioni, anche senza motivo, ovvero solo perche sn arrabbiata per es. e poi l'ansia peggiora, ho quasi degli attacchi di panico a volte con vampate di calore e una forte nausea e paura di vomitare. Non credo di essere bulimica...pero ho paura di diventarlo perche il vomito mi sfoga e dopo mi sento libera! Aiutatemi a capire

Per capire, Sara, bisognerebbe avere molti più elementi su di te e sulla tua vita, presente e passata....per questo mi viene da consigliarti subito di rivolgerti ad uno psicoterapeuta e con lui/lei intraprendere un percorso di comprensione e di conoscenza delle tue dinamiche interne. Potrebbe essere una buona cosa per te, e probabilmente ti piacerebbe. Al di la di questo, è probabile che una situazione in cui non ti trovi a tuo agio possa scatenare un aumento del desiderio di liberarti delle sensazioni negative attraverso il vomito.....In effetti vomitare da un punto di vista organico è un cacciare fuori, rimettere, ciò che non si è in grado di digerire. Da un punto di vista psichico, la situazione non è molto diversa: si cerca di rimettere, di cacciare fuori da sé ciò che non si digerisce, ovvero quei contenuti psichici che non si vuole o non si è in grado di elaborare. Ovviamente, poichè vomitare frequentemente non fa bene alla salute (denti neri, problemi allo stomaco ecc.) e soprattutto, poichè una persona adulta è bene che non viva esclusivamente attraverso il corpo i propri disagi, ma sarebbe bene che potesse viverli psichicamente, sentendo ed elaborando....non solo eliminando.....ovviamente, dicevo, è bene che tu faccia qualcosa per interrompere questa sintomatologia e andare alla radice dei tuoi disturbi. Azzardo soltanto un'ipotesi di problematica rispetto alla tua identità, sembra che tu debba costantemente dimostrare o dimostrarti qualcosa, e questo forse non ti permette di essere veramente e liberamente quello che sei.....come tu dovessi rendere conto a qualcuno sempre della tua vita, che dunque rischia di non essere veramente e solo tua. Un'idea, solo un'idea per riflettere.....ho veramente pochi elementi per formulare pensieri più obiettivi. Ripeto, ti consiglio di andare a fondo di questo tuo disagio, e risolverlo alla base.

(risponde la Dott.ssa Elisabetta Corberi)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

News Letters

0
condivisioni