Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Autolesionismo (152693 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 185 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Niky , 16

 

Gentile Dottore,
da circa tre anni soffro di autolesionismo, specialmente in questo periodo, poichè si avvicina la fine della scuola e sono sempre ansiosa.
Il problema è che le persone che ho intorno pretendono sempre di più da me, prendono loro le decisioni per me e la mia opinione non l'ascolta mai nessuno... inoltre ultimamente sono molto nervosa e tesa e l'unica consolazione è il cibo, solo che poi mi sento in colpa perchè ho paura d'ingrassare e mi ritrovo sulla tavoletta del water.
Io sono sola, nessuno mi dedica un minuto, io però ci devo sempre essere per tutti, solo che tante volte i problemi degli altri diventano i miei... Non so a chi rivolgermi poichè se i miei genitori dovessero saperlo rimarrebbero delusi e io non lo voglio
Grazie

Gentile Niky,
riferisci di avere degli episodi di autolesionismo e sembra che tu abbia fatto anche un ragionamento sul possibile motivo che ti spinge a mettere in atto tali comportamenti ovvero l'ansia e le pressioni inoltre racconti di una mancanza di considerazione nei tuoi confronti.
Quello che mi piacerebbe capire è di che tipo di episodi tu stia parlando nello specifico (tagli, bruciature o cosa?)
Inoltre vorrei capire a quale esigenza rispondono tali episodi. Mi spiego meglio: vorrei capire se tali comportamenti servono per punirti, per gestire l'emozione di ansia, o semplicemente per riportarti alla realtà attraverso il dolore.
Per parlare poi del comportamento che accenni ovvero mangiare e vomitare lo stesso discorso: mi sembra di capire che utilizzi il cibo come "medicina" per curare l'intensità delle emozioni negative che provi.
Detto questo vorrei farti capire che per intervenire in un determinato comportamento prima di tutto si dovrebbe capire quale è lo scopo che intende raggiungere e in seguito utilizzare strategie alternative (altri comportamenti più funzionali) per raggiungere lo stesso scopo.
In fine vorrei ragionare con te sull'ultima frase ovvero "i miei genitori rimarrebbero delusi". Per quale motivo pensi questo? Credi che i tuoi non sarebbero disposti a capire con te quali sono le cause che ti portano a mettere in atto tali comportamenti e a risolverli?
Io credo che anzi, nel momento in cui si rendono conto delle tue difficoltà abbiano maggior interesse a risolvere i problemi con te piuttosto che accettare che tu continui con tali comportamenti.
In conclusione ti consiglio di parlare con i tuoi genitori delle difficoltà che ti spingono a mettere in atto tali comportamenti e vedrai che sarai sorpresa positivamente.
Saluti, Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 12/09/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

News Letters

0
condivisioni