Pubblicità

Autolesionismo (164214 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 265 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Paola, 17

Gentile dottore,
mi autolesiono da 5 anni, sono in bilico tra la vita e la morte , lotto ogni giorno per andare avanti e ora la soglia del dolore non mi spaventa più, non ho paura di farmi male, ho bisogno di quel male. Di quella lama che spinge ogni volta più forte.. Ho paura di poterla fare finita , di riuscirci sul serio.. Ho paura di andare da uno psicologo ma andrei volentieri in una clinica specializzata ma purtroppo da me non ce ne sono.. Non mangio mai e quel poco che mangio lo vomito con le dita in gola, sono ossessionata dal peso, per un periodo ho preso tranquillanti ma funzionavano solo all'inizio , dopo 3 giorni hanno smesso di funzionare....non so cosa fare per chiedere a mia mamma aiuto...





Cara Paola,
la tua sembra più una richiesta di salvarti piuttosto che un parere. Riesco a capire la difficoltà a raccontare le problematiche e considero già un passo importante quello di aver cercato aiuto in una conslenza specialistica. Detto questo credo che la situazione debba essere monitorata con attenzione da un professionista (Psicoterapeuta o Psichiatra) che ti indicherà il tipo di intervento da seguire che potrebbe essere quello di Psicoterapia ambuolatoriale o di Ricovero in clinica. Io non posso aiutarti oltre se non sottolinerando che la sua difficoltà non può essere trascurata e che i tuoi comportamenti rischiano di compromettere in maniera irreparabile la salute. Quanndo ti lesioni per esempio c'è sempre il rischio di morte che viene sottostimato nel momento in cui avviene la lesione in quanto in quel momento si è attenti agli effetti positivi e alla funzione che tale lesione svolge piuttosto che al pericolo sottostante. Oltre alle lesioni anche i comportamenti alimentari possono provocare danni permanenti da non trascurare. Con l'aiuto di un terapeuta potrai capire quali funzioni hanno i tuoi comportamenti e come affrontarli. Saluti Mirko Dai Prà


(Risponde il Dott. Mirko Dai Prà)

 

Pubblicato in data 31/01/2014

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

News Letters

0
condivisioni