Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Autostima, depressione, fame nervosa (121760)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 136 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Angela 55

Ho 55 anni, tre figli maschi e sono sposata. Il mio problema non è né la bulimia né l'anoressia, sono alta 1,60 e peso 83 chili. Mangio come se fumassi, quasi ogni ora, possono essere due biscotti, un po' di pane, frutta, caffè, yogurt, tutto quello che trovo già pronto . Da bambina, unica donna fra quattro fratelli, non me la sono passata bene: mio padre, oberato dal lavoro, era assente in famiglia e mia madre mi ha sempre detto che non servivo a niente, non sapevo fare niente, tutte le altre erano migliori di me. Per poter avere un po' di autostima ho dovuto lavorare ogni giorno su me stessa e oggi qualcosa ho avuto (ho tre figli in gamba, un marito che mi vuole molto bene, tre amiche che ho dall'infanzia e sono molto stimata sul lavoro), però ho tutto questo perché mi sono annullata per gli altri. In famiglia faccio tutto da sola, ho lottato tanto per farmi aiutare nei lavori domestici, ma alla fine, dopo anni, ho rinunciato perché altrimenti sarei impazzita. Nella famiglia di origine, essendo tutti maschi, ho aiutato molto, ma non ho mai avuto un grazie: tutto era dovuto. Ora ho capito il mio problema, ma non riesco a risolverlo. Ho sempre fatto tutto per gli altri tanto che adesso non so più cosa mi piacerebbe fare, cosa renderebbe la mia vita diversa invece che così monotona: ufficio-casa, casa-ufficio. Ho provato ad andare a un corso di ballo: mi sono entusiasmata il primo anno, ma già il secondo non mi piaceva più tanto. Sono arrivata a un punto critico, fisicamente non mi piaccio quindi non mi vesto più, mi copro, non ho desideri, ma solo tanta rabbia che scarico mangiando. Mi rendo conto che, per tenere a freno la rabbia, ingoio di tutto, così per un po' sono a posto. Sono però tanto stanca; ho avuto anche due episodi di depressione dopo la morte dei miei genitori perché provavo rabbia contro di loro e quindi alla loro morte ho avuto dei sensi di colpa. La prego, mi aiuti, non vorrei morire con questa tristezza e con questo fisico, mi aiuti a capire cosa potrebbe piacermi e cosa potrebbe aiutarmi a vivere bene. La ringrazio se vorrà rispondermi.

Cara Angela, vorrei tanto poterti dire cosa potrebbe piacerti e aiutari a vivere meglio, ma sai bene che non è possibile. Tu sola sai cosa è bene per te e cosa potresti fare per trovare la tua strada. In questo momento sei bloccata, per questo hai bisogno di uno psicoterapeuta che ti aiuti a capire il perchè del tuo bisogno di cibo, in modo profondo e non solo razionale. Occorre che tu comprenda cosa ti porta a farti del male e a boicottare le tue decisioni. La psicoterapia ti aiuterà anche ad aumentare la stima in te stessa, a capire che non sei sfortunata, anzi. Pensa alla fortuna di avere un marito e tre figli che ti vogliono bene e delle amiche sincere. Hai bisogno di vedere meglio la tua vita e accettare ciò che ti è capitato in passato. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Giacomina Rienzo)

Pubblicato in data 05/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fine di un amore senza motivo …

tz86, 31     Buongiorno, è circa un mese che sono stato lasciato dalla mia ragazza. Una relazione breve, circa un anno. Ma molto intensa e bella...

Difficoltà nelle relazioni con…

io, 25     Lavoro in un codominio come portiere, da un po' di tempo ho come la sensazione che si approffitino di me. ...

Distacco dai genitori (1526380…

Alice, 25     Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni che lavora. Ho un fidanzato e per fine anno vorremmo andare a convivere. ...

Area Professionale

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

Le parole della Psicologia

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Disforia di genere

"Per un momento ho dimenticato me stesso, per un momento sono stato solo Lili." The Danish Girl Con il termine Disforia di genere si fa riferimento all’insoddi...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

News Letters

0
condivisioni