Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (000433)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 119 volte

Giulia, 25 anni

Salve, volevo alcune informazioni che sono forse di carattere più medico che psicologico, ma che riguardano la bulimia. Ho cominciato ad avere disturbi alimentari "visibili" quando avevo 15 anni. Sono diventata bulimica a 18 e ho continuato a mangiare e vomitare per più di sette anni, fino a qualche mese fa. Per i primi tre anni e mezzo tre volte al giorno senza trattenere praticamente niente. Per due anni e mezzo due volte, cominciando man mano a mangiare qualcosa, trattenendolo, dopo aver vomitato. L'ultimo anno una volta sola al giorno trattenendo gli altri pasti, seppur poco abbondanti e meno solidi possibile. Da qualche mese la mia bulimia è un lontano ricordo, mangio regolarmente dei bei pasti e non faccio nemmeno più caso a che restino nello stomaco (prima erano un peso insopportabile). Sto bene. Non fosse che adesso ho paura... paura delle conseguenze di più di sette anni di bulimia (e precedenti 2-3 in cui la mia condotta alimentare non è stata certo la migliore, anzi).
Nel senso, sto bene, digerisco bene, sembra che il mio stomaco non abbia subito danni. Ho solo qualche problema all'intestino che, giustamente, non era più abituato a tutto questo lavoro. Non mi sembra di avere problemi cardiaci. Sarà tutto davvero così? Come si fa a sapere se davvero non mi sono causata danni? Il fatto che io stia bene quanto è indicativo?
Ultimamente mi sono iscritta a pallavolo e karate. Sono assalita dalle crisi d'ansia. Ho paura di averla combinata grossa, non sono più sicura che il mio corpo sia in grado di sopportare sforzi. Spero di stare semplicemente esagerando, ma voglio esserne sicura. Volevo un consiglio e una risposta a queste domande....
Grazie mille. Giulia

Cara Giulia, credo che il fatto che tu ti senta bene sia un buon indicatore della tua salute. Se fossi in te inizierei a fidarmi un po’ di più di quello che senti al tuo interno e cercherei, piano piano, di modificare la percezione “malata” che hai di te stessa. Certo hai strapazzato il tuo corpo non poco, ma evidentemente è forte e non ne ha risentito più di tanto. Ovviamente senza esagerare, credo che tu possa permetterti di fare tutto quello che può fare una ragazza della tua età; anzi, te lo devi, perché avrai da recuperare un pezzetto di vita che prima non ti sei concessa.
Non esagerare significa non chiedere troppo al tuo corpo, ascoltarlo e considerarlo una parte sacra di te stessa, tanto quanto il resto. Non è vero che il corpo è solo un’involucro, o peggio una prigione, dell’anima. Il corpo ne fa parte, e va trattato con cura.
Al di là di questo, cara Giulia, vivi tutto quello che ti dà gioia. Più che comprensibile che ci siano delle paure in te, ma piano piano dovrai imparare a fidarti di te stessa. Del resto se sei riuscita a venire fuori da un così lungo periodo di squilibrio, evidentemente hai già fatto un grandissimo passo verso la consapevolezza e l’amore di te stessa. Ora si tratta di proseguire su questa strada e fare i passi successivi, senza fretta. Ti faccio intanto i miei complimenti, oltre che i miei auguri per il tuo futuro; e se le tue paure non si attenuano, allora ti consiglio di fare un passo (che non so se tu non abbia già fatto) che forse è il più indicato, ovvero di rivolgerti ad uno psicoterapeuta che ti aiuti a capire meglio e a risolvere i tuoi problemi.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Ecoprassia

È l’imitazione dei movimenti di altri, per esempio, di azioni (ecocinesi) e gesti (ecomimia). L'ecoprassia consiste nell' imitazione spontanea dei movimenti ...

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters