Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (008437)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 59 volte

Anonima, 19 anni

Innanzitutto buongiorno e grazie in anticipo della vostra attenzione.
tra pochi giorni compierò 19 anni, ed è da anni che soffro.praticamente dalla prima infanzia.sarò breve: all'asilo avevo problemi a socializzare, volevo sempre tornare a casa.mio padre mi ha sempre detto
che nel mondo per sopravvivere si deve combattere e che l'umanità è crudele.alle elementari mi attaccavo fortemente alle amiche e mio padre ha iniziato ad insultarmi e demolire i miei sogni.per lui il mio voler
fare la poetessa era una cretinata e mi avrebbe ridotta alla fame.in particolare mi ricordo un episodio in cui mi ero rifiutata di mangiare perchè avevo nostalgia di mia madre.avevo pauradella solitudine e dell'abbandono,spesso lasciavo che le cose accadessero senza agire.alle medie sonoingrassata,66 khg per 160cm.Mio padre mi ha probabilmente provocato dei gravi disturbi con il suo insultarmi e i suoi disgustosi modi di fare.Nonostante le mie incessanti preghiere di non farlo perchè disturbava il mio sonno, si lavava quasi ogni sera verso mezzanotte
per mezzora,emettendo suoni e gorgoglii disgustosi.
lo odiavo,mi faceva sentire una nullità, come spesso mi ripeteva.l'avevo confessato a dei parenti ma mi avevano sgridata perchè "non era corretto odiare il proprio padre".
quando sento l'qacquaq scorrere rabbrividisvo tuttora.
mi rinchiudevo in camera mia e ascoltavo rabbiosamente la musica.
socialmente spesso ero vittima di sfottii e bullismi a causa della mia grassezza.ero ansiosa.
stare con mio padre mi provocava e provoca tuttora malessere psicofisico.
quindi, alle superiori, ho seguito svariate diete. sono andata dalla dietologa in seconda superiore, ho perso svariatoi kili grazie alle camminate nella casa che avevo in montagna e a cui ero legatissima. l'anno dopo sono ingrassata nuovamente.66-56-66.
sono tornata dalla dietologa.mia madre e i miei parenti mi facevano pesare la mia grassezza senza tener conto dei mieik sentimenti.odiavo lo specchio. in seconda mi sono iscritta a un corso di teatro, che ho da sempre amato.nell'estate di due anni fa dalle abbuffate sono passata ai digiuni.in un mese e mezzo ho perso dieci
kili. vivevo praticamente di aria e passavo almeno 6 ore al giorno a camminare in montagna.vorrei tuttoggi essere ancora così magra e piena di controllo. nell'inverno,sono ingrassata ancora. quindi,è da due anni
che sono relativamente "stabile", se così si può dire,tra 50 e 56.sono in amenorrea da due anni.
mi sento grassa e brutta.
non credo di avere la possibiltà di piacere,anche se alcuni giorni sono euforica e penso il contrario.mi abbuffo e poi mi pento. odio mio padre. non capisvco cosa voglio dalla vita, sono incapace di provare un affetto sano, sono
attaccatissima a mia madre e ai miei nonni. non capisco il senso della vita.
e mi abbuffo.fingo di essere gioiosa e socievole mas è tutta facciata. circa due volte la settimana,quindi svolgo attività fisica smoderata per eliminare le calorie in eccesso.
quest'estate ce l'avevo fatta.ma ho ripreso il ciclo di abbuffate.
per l'università non sapevo scegliere tra lettere, filosofia e psicologia.ero sicura su archeologia
subacquea.ma mio padre mi ha imposto di non farla.ho scelto psicologia. salto almeno un giorno alla settimana per le abbuffate.mi odio e non mi capisco.vi prego,già il leggere questa lettera sarà una grande cosa per
me,ma vorrei sapere come guarire e iniziare a vivere. niente più diete, camminate di ore e poi abbuffate.solo vita. min basterebbe questo, vivere.e iniziare a inseguire i miei sogni che mmio padre ha sempre sminuito.vorrei vivere.
vi ringfrazio ancora e mi spiace di avere scritto così tanto.
grazie di cuore.

Quanto lei ha scritto, la quantità di parole usate, la velocità che si riscontra nella lettura, denota un'enorme voglia di parlare, di far uscire fuori, di sfogarsi. Mi chiedo se l'abbia mai fatto con qualcuno veramente.
Io credo che lei debba trovare un "luogo sicuro", un posto in cui poter parlare ed essere ascoltata.
Una persona a cui raccontare dei suoi odii, dei suoi rancori, delle abbuffate e cercare di capire il perchè di tutto questo.
Deve giustamente, come scrive, iniziare a vivere, preoccupandosi di se stessa e dei suoi malesseri. Questo lo può fare rivolgendosi ad un bravo psicoterapeuta che l' aiuterà a capire e gestire le situazioni che ora la fanno tanto soffrire. Non aspetti di stare peggio o che "qualcosa cambirà" prenda in mano la sua vita e si
dia una mano a tirasi sù. Mi faccia sapere

( risponde la dott.ssa Anna Maria Casale )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenien...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

News Letters