Pubblicità

Bulimia (008745)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 96 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Antonella,24 anni

Sono una ragazza di 24 anni, il mio problema di bulimia è iniziato da un anno a questa parte. Prima non avevo mai avuto nessun problema di tipo psicologico e alimentare, a parte il fatto che 2 anni fa, ero dimagrita di 15 kg con dieta e moltissimo sport. Poi con l'avvicinarsi delle vacanze natalizie ho cominciato a mangiare sempre di più rispetto a quello che era diventato il mio standard. All'inizio non ho dato peso più di tanto a questa cosa visto che durante il operiodo invernale ho sempre riportato un aumento del peso di 6-7 kg.
Ma poi con l'avvicinarsi dell'estate non ho diminuito la mia ingordigia(come era mio solito fare) ma ho mangiato sempre più...e tutt'ora non riesco a liberarmi di questa ossessione del cibo che mi perseguita dalla mattina e perfino la notte mi alzo e mangio di nascosto...
Con i miei genitori non ho assolutamente alcun tipo di problema, ma mia sorella soffre di leggera forma di anoressia(abbiamo trovato cibo nascosto in una borsa in un armadio) e ogni giorno a casa è una guerra per farla mangiare!
L'anno scorso è coinciso anche il mio cambiamento di lavoro, da commessa in una profumeria sono passata a impegata di ufficio dove mi ritrovo sola tutto il giorno. Questo mi porta a un continuo pensare su quello che non va in me, all'ossessione che ho del cibo, senza avere nessuna distrazione che in genere ti da il lavoro...è un continuo pensare....che peggiora il tutto.
Ho un ragazzo molto comprensivo che mi ama molto anche se a modo suo, essendo molto timido e riservato non esterna i suoi sentimenti, tiene tutto chiuso dentro e anche fargli parlare di come ha trascorso la giornata diventa un interrogatorio da parte mia.
Ma o così, o parlo io, o c'è il silenzio. Sono riuscita solo ora a parlare con lui di questo mio problema , ma a casa non ci riesco perchè c'è già mia sorella che da problemi, e poi mia mamma soffre anche di Lupus e non sta molto bene....
Non so proprio più che fare...vorrei ritornare a essere come l'anno scorso....felice e bella(mi prendevano per una modella)
Ora peso quasi 80 kg per 1.69 e non riesco a fare nessuna dieta....dico sempre da lunedì e poi rimando sempre...
sono sempre triste e depressa, passo le giornate a piangere, piango sul passato, su cose che avrei potuto fare e non ho fatto, le opportunità perse...Aiuto!
Penso di aver bisogno di un aiuto psicologico perchè sola è un anno che vado avanti con questa storia...


Antonella, probabilmente non è solo il tuo ragazzo ad avere bisogno di tirare fuori quello che ha dentro di se..... Immagino che anche tu avresti molto bisogno di comunicare il tuo mondo interno, cosa che non ti permetti di fare.
Mi rendo conto dei problemi di mamma, e anche di quelli di tua sorella, ma mi rendo conto anche del fatto che tu dai loro la precedenza.... e tendi a rinunciare, a metterti in coda, come se avessi meno valore o meno diritti. Immagino che questo sia il tuo modo usuale di viverti e di sentirti, ed è proprio questo che devi indagare di te e modificare.
Come saprai i disturbi alimentari sono strettamente collegati all'autostima e alle insicurezze e per risolverli bisogna avere la forza e il coraggio di affrontare i propri conflitti interni e le proprie paure.
Si, credo proprio che un aiuto psicoterapeutico sia una buona soluzione per te, non solo perchè una guida esperta è necessaria quando si decide di addentrarsi nei meandri della propria interiorità, ma soprattutto perchè hai bisogno di un riferimento tutto tuo cui poterti affidare e con cui poter comunicare, senza paura di disturbare o di creare sofferenza. Vedrai che ti aiuterà e ti piacerà.




( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi)

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di Anoressia/Bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

News Letters

0
condivisioni