Pubblicità

Bulimia (014246)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 99 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Dany, 26 anni


Da sempre ho un rapporto conflittuale con il mio corpo e con il cibo. Subito dopo l'adolescenza è cominciata la mia ossessione per tutti i cibi che non potevo mangiare liberamente: pane e dolci. Negli ultimi 10 anni mi sono ritrovata a fare diete drastiche, abboffate compulsive, assunzione smodata di lassativi, vomito, tutto pur di tentare di riparare al male che mi faccio ogni volta che ho una crisi. Sono disperata. Ci sono stati periodi in cui sebrava tutto passato e sembrava che avessi ritrovato il mio equilibrio, la mia strada, ma poi le crisi tornavano più forti di prima. Da questa estate ho messo su 10kg ed oggi perso ben 78kg per 1,75m di altezza. Mi sento enorme e la mia autostima è completamente azzerata. Ho un ragazzo che mi ama nonstante tutto ma ormai anche avere una vita sessuale con lui mi genera ansia. Mi vergogno di come sono diventata.
la cosa peggiore è che non riesco più a stare a dieta. Il 5 giorno di dieta fallisco miseramente, cominciando con una piccola trsgressione e finendo con l'abboffarmi fino a stare male. Tutto quello che mi serve e che vorrei nella vita è perdere questi maledetti kg. Non c'è nessun'altra cosa al mondo che vorrei. Ora sono solo un apersona che si sente sola e depressa e che ha perso la voglia anche di alzarsi al mattino per andare a lavorare. Non riesco a parlarne con gli altri. Lo faccio raramente ma dopo una sporadica confessione e la promessa di confidarmi ogni volat che sentirò il bisogno di abboffarmi, ritorno a mentire e a fingere di stare bene, mentr mi sento in un baratro senza uscita. Prigioniera di me stessa. Cosa posso fare per non abboffarmi più? Nella città in cui vivo non esistono consulenti specializzati ed io non posso permettermi di spendere molto.Vorrei solo essere felice e non sentirmi sempre inferiore agli altri. Vorrei avere un rapporto normale con il cibo e smettere di farmi del male ma non so cosa fare. Ho letto un manuale di auto-aiuto e dice di interrompere qualunque dieta ma io non posso. la dieta è l'unico scopo della mia vita. Oggi è l'ennesimo primo giorno e spero tanto di superare il 5 stavolta. Vi prego aiutatemi


Cara Dany, quello che dovresti fare lo dici tu stessa: vincere le tue insicurezze e i tuoi complessi di inferiorità, e smettere di farti male, che tradotto significa imparare ad amarti. Insomma, smettere di boicottarti e di essere in eterno conflitto con te stessa. Tutto questo ha ben poco a che fare con le diete: diete e abbuffate sono solamente l'espressione di una tua problematica e/o conflitto interiore, a livello psicologico. Se non cerchi di risolvere quello, continuerai a farti del male e ad avere bisogno di odiarti. In altre parole, continuerai ad importi diete e a non riuscire a farle, confermando di te l'immagine che hai: che non ce la fai, che vali poco, che tutto il mondo è meglio di te. Finchè non ti decidi ad affrontare veramente il problema, il reale problema intendo, vale a dire il tuo conflitto interiore, non puoi sperare di risolvere il tuo conflitto con il corpo, che rappresenta quello che tu vedi di te. Se pensi di essere "brutta" dentro di te, farai di tutto perchè questo venga percepito anche nel tuo aspetto esteriore......e non c'è dieta che tenga. Cerca di capire questo e di non essere così severa e rigida con te stessa: valuta seriamente l'idea di darti una possibilità nella vita, e cerca uno psicoterapeuta a cui rivolgerti. Se hai problemi economici, vedrai che potrà venirti inconto. In ogni caso non esistono soldi spesi meglio, che quelli che possono restituirti dignità, libertà, gioia e sicurezza. Pensaci.

( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia /bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di un...

News Letters

0
condivisioni