Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (015831)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 82 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesca, 23 anni

Cari Esperti, temo di essere bulimica... inizialmente era soltanto qualche fuoripasto, ma ora la situazione mi sembra incontrollabile. Studio, e quando mi trovo a dover star fuori tutto il giorno nella maggior parte dei caso non sento bisogno del cibo anche se per esempio tornado a casa, per strada pianifico che cosa avrei voglia di mangiare, in genere sono sostanze ipercaloriche.. non sono obesa anche se in lieve sovrappeso e più decido di mettermi a dieta più la situazione precipita, ho la paura di non riuscire ad avere il controllo su me stessa e sento una sensazione di vuoto affettivo nonostante abbia una famiglia accanto (anche se durante la settimana abito da sola) e un ragazzo che mi ama, ma sento comunque che anchi una oarte di me in alcuni momenti e mi viene tristezza.
Mia madre è obesa e mangia fuori pasto a volte senza freno ogni tanto la guardo e ho paura di diventare come lei, e alla fine anzichè migliorare la situazione peggiora. Io non me la sento di rivoglermi direttamente ad un terapeuta e ad un medico, in primo luogo perchè studio medicina e temo andando da uno specialista di incontrare qualche mio collega e anche perchè per pagarlo dovrei rivolgermi ai miei genitori e non me la sento. Potreste darmi una mano per aiutarmi a capire cosa posso fare ora per vincere questa situazione? Vi ringrazio immensamente.

Cara Francesca, per essere precisi, poiché studi medicina, la bulimia prevede anche una condotta di vomito, nonché un peso leggermente minore a quello medio.
Benge eating desorder, è il nome del disturbo che caratterizza molte persone obese o giù di lì.
Spesso la mancanza di soddisfazioni affettive, fa protendere le abitudini alimentari verso una dieta ipercalorica, con particolare predilezione verso cibi ricchi di carboidrati.
Tali cibi poi, a prescindere dall'affettività, inducono spesso un progressivo aumento della fame.
A tal proposito ti consiglio di bilanciare la tua dieta aumentando i cibi proteici e diminuendo sensibilmente quelli ricchi di carboidrati.
Dal punto di vista affattivo e psicologico non è una vergogna andare da un terapeuta solo perché puoi incontrarlo nella pratica clinica.
Forse i medici si lasciano morire perché si vergognano dei colleghi?

( risponde il dott. Vincenzo Di Marco )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di dipendenze ed abusi per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Non so più che fare (153056873…

Alessia, 16     Non so più che fare, passo ogni giorno come se fossi in una bolla dove solo io sono in grado di capirmi, non si più davvero dove ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Pornografia

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitament...

News Letters

0
condivisioni