Pubblicità

Bulimia (015844)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 82 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Daria, 23 anni

Salve. Vorrei chiedervi un consiglio,pur sapendo benissimo che resta tale e non può risolvere i miei problemi....
Da ragazzina sono stata molto magra, e ciononostante molto insicura,da tipica adolescente. Dai 18 anni ho cominciato ad ingrassare un po',e sono diventata molto carina,a detta di tutti.
Ho avuto anche una storia piuttosto lunga ed importante (finita per mia volontà). Purtroppo non so per quale motivo, probabilmente per un senso di vuoto che avverto dentro,ho incominciato a mangiare in maniera compulsiva...mi abbuffo dei cibi più grassi ma senza quasi sentirne il sapore, butto giù tutto e poi cerco di vomitare,anche se spesso non ci riesco. I risultati sono che sono ingrassata notevolmente e mi sento brutta ,ho vergogna ad uscire perchè non voglio che la gente mi veda così...anche se ho preso solo sei o sette kg li ho messi tutti su cosce e sedere purtroppo.
Ci sono periodi in cui dimagrisco (in genere d'estate) ma questi kg li rimetto sempre...e ogni volta sono di più. Ho il terrore folle di diventare grassa.Mi sembra di non riuscire più a controllarmi....mi riprometto ogni giorno di non cedere ma invano. Il frigorifero è un richiamo al quale non so resistere.
Di comune accordo con mia madre ho consultato una psicologa con la quale ho cominciato una terapia...però è un percorso molto lungo,e nel frattempo continuo ad ingrassare e mi sembra che la mia vita vada a rotoli. Sto seriamente pensando al ricovero in una clinica specializzata! La prego,mi dia un consiglio....

Daria, intanto hai fatto molto bene ad iniziare un percorso psicoterapeutico, e se la psicologa dalla quale vai ti piace e pensi sia brava, continua su questa strada che è quella giusta. Ovviamente i risultati non si vedono subito, anzi, è probabile che nelle prime fasi del lavoro i disturbi possano acutizzarsi, ma è solo un passaggio. Come saprai, i problemi legati al cibo sono problemi legati all'identità personale, che in genere vacilla un po'. Nel tuo caso sembrerebbe che la vergogna e l'inadeguatezza siano sensazioni che ti appartengono e che in qualche modo vai ricercando. Il problema è interno, è un problema tuo con te stessa, una tua incapacità a vederti per quello che sei e una tua tendenza a svalutarti..... I motivi non li sappiamo, ma se stai facendo un lavoro su di te prima o poi riuscirai a trovarli e la tua vita riprenderà a scorrere fluidamente. Non mi sembra che ci siano gli estremi per un tuo ricovero, ma capisco che ti piacerebbe essere rinchiusa da qualche parte per non cedere alla tentazione del frigo. In ogni caso non è una buona idea, perchè fintanto che avrai bisogno di una costizione esterna per eliminare il tuo problema, non avrai risolto nulla. Nonappena sparisce la costrizione, ritorna tutto come prima. E' bene invece che tu riesca a raggiungere, da sola (e ovviamente con l'aiuto della tua terapeuta) l'equilibrio che stai cercando e dunque la capacità di non cadere preda dei tuoi impulsi distruttivi. Cerca di avere fiducia nel lavoro che stai facendo, impegnati, cerca dentro di te, ascoltati e non scoraggiarti. Sei, ripeto, sulla strada giusta.


( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di Dipendenze ed abusi per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Intelligenze Multiple

“Scrivendo questo libro, mi proposi di minare la nozione comune di intelligenza come capacità o potenziale generale che ogni essere umano possiederebbe in misur...

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

News Letters

0
condivisioni