Pubblicità

Bulimia (015844)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 114 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Daria, 23 anni

Salve. Vorrei chiedervi un consiglio,pur sapendo benissimo che resta tale e non può risolvere i miei problemi....
Da ragazzina sono stata molto magra, e ciononostante molto insicura,da tipica adolescente. Dai 18 anni ho cominciato ad ingrassare un po',e sono diventata molto carina,a detta di tutti.
Ho avuto anche una storia piuttosto lunga ed importante (finita per mia volontà). Purtroppo non so per quale motivo, probabilmente per un senso di vuoto che avverto dentro,ho incominciato a mangiare in maniera compulsiva...mi abbuffo dei cibi più grassi ma senza quasi sentirne il sapore, butto giù tutto e poi cerco di vomitare,anche se spesso non ci riesco. I risultati sono che sono ingrassata notevolmente e mi sento brutta ,ho vergogna ad uscire perchè non voglio che la gente mi veda così...anche se ho preso solo sei o sette kg li ho messi tutti su cosce e sedere purtroppo.
Ci sono periodi in cui dimagrisco (in genere d'estate) ma questi kg li rimetto sempre...e ogni volta sono di più. Ho il terrore folle di diventare grassa.Mi sembra di non riuscire più a controllarmi....mi riprometto ogni giorno di non cedere ma invano. Il frigorifero è un richiamo al quale non so resistere.
Di comune accordo con mia madre ho consultato una psicologa con la quale ho cominciato una terapia...però è un percorso molto lungo,e nel frattempo continuo ad ingrassare e mi sembra che la mia vita vada a rotoli. Sto seriamente pensando al ricovero in una clinica specializzata! La prego,mi dia un consiglio....

Daria, intanto hai fatto molto bene ad iniziare un percorso psicoterapeutico, e se la psicologa dalla quale vai ti piace e pensi sia brava, continua su questa strada che è quella giusta. Ovviamente i risultati non si vedono subito, anzi, è probabile che nelle prime fasi del lavoro i disturbi possano acutizzarsi, ma è solo un passaggio. Come saprai, i problemi legati al cibo sono problemi legati all'identità personale, che in genere vacilla un po'. Nel tuo caso sembrerebbe che la vergogna e l'inadeguatezza siano sensazioni che ti appartengono e che in qualche modo vai ricercando. Il problema è interno, è un problema tuo con te stessa, una tua incapacità a vederti per quello che sei e una tua tendenza a svalutarti..... I motivi non li sappiamo, ma se stai facendo un lavoro su di te prima o poi riuscirai a trovarli e la tua vita riprenderà a scorrere fluidamente. Non mi sembra che ci siano gli estremi per un tuo ricovero, ma capisco che ti piacerebbe essere rinchiusa da qualche parte per non cedere alla tentazione del frigo. In ogni caso non è una buona idea, perchè fintanto che avrai bisogno di una costizione esterna per eliminare il tuo problema, non avrai risolto nulla. Nonappena sparisce la costrizione, ritorna tutto come prima. E' bene invece che tu riesca a raggiungere, da sola (e ovviamente con l'aiuto della tua terapeuta) l'equilibrio che stai cercando e dunque la capacità di non cadere preda dei tuoi impulsi distruttivi. Cerca di avere fiducia nel lavoro che stai facendo, impegnati, cerca dentro di te, ascoltati e non scoraggiarti. Sei, ripeto, sulla strada giusta.


( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di Dipendenze ed abusi per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

News Letters

0
condivisioni