Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (05051999)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 197 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

32 anni (5.5.99)

1) Penso che la mia compagna che ha 34 anni sia bulimica:si sente grassa,ricerca di nuove diete,fame nervosa, tipo di affettività instabile, si sente grassa, dice di non avere problemi, la sua famiglia perfetta ed inattaccabile e a detta di Lei una volta a provato a vomitare. Devo premettere che anche su mia insistenza prima con discorsi molto vaghi e poi con frasi esplicite da due mesi è in analisi. La mia domanda è la seguente:
come mi devo comportare tenendo conto che la vita di coppia anche a causa dei suoi atteggiamenti instabile è stressantissima? Grazie

è difficile dare consigli in situazioni complesse e delicate come questa senza conoscere nulla delle persone coinvolte e del modo di stare insieme della coppia. Per come viene descritta la situazione, sembra vi siano due problemi che interagiscono. Il primo è quello della signora che sta accusando un disturbo del comportamento alimentare. è molto probabile che questo sintomo sia la spia di un sottostante problema affettivo (l'instabilità affettiva con cui viene descritto il carattere della signora puo' avere molte radici) che puo' avere origini sia nella storia personale che nella relazione attuale. Il secondo problema è la sofferenza del rapporto di coppia, nella quale un membro accusa un disturbo comportamentale ma appare difficilmente avvicinabile sul piano emozionale mentre è l'altro membro a muoversi per capire, chiedere consigli e aiuti, essere attivo. I due problemi certamente interagiscono, anche se è davvero difficile dalle poche informazioni disponibili capire quale due due è la componente trainante.
Sembra che lei che ci scrive sia stato abbastanza attivo da capire che esiste un problema nella sua compagna e nella coppia ed anche abbastanza vicino alla sua compagna nel tentare di aiutarla a prenderne consapevolezza, anche se lo sta facendo in modo riluttante e guardingo. Forse i problemi, al punto in cui sono, sono diventati piu' grandi delle capacità di recupero facendo leva sulle vostre stesse forze, come avete sempre fatto finora e come normalmente fanno tutte le coppie. Probabilmente quindi la cosa piu' giusta da fare lei l'ha già fatta, chiedendo alla sua compagna di farsi aiutare da un esperto.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni