Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (066743)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 125 volte

Siena 24 anni, 22.09.2003

Salve, sono ormai 7 anni che soffro di bulimia. Nessuno, nè i miei familiari, nè i miei amici, nè tantomeno il mio ragazzo sanno che soffro di questa malattia.
Ho sempre avuto paura a rivelare la verità, soprattutto per non allarmare mia madre e mia nonna. Adesso la situazione è peggiorata, arrivo anche a fare 2 abbuffate al giorno e a indurmi il vomito di conseguenza.
Sono sempre più ansiosa e anche le mie condizioni fisiche peggiorano di giorno in giorno, soprattutto per il mal di stomaco, ma nonostante ciò non riseco a controllarmi.
Vivo da sola a Firenze, dove frequento l'università, in una casa che mi è stata comprata appositamente da mia madre, poichè la mia famiglia vive a Siena.
Adesso vorrei fare qualcosa, ma non so cosa. La terapia da uno specialista è molto costosa e non lavorando non saprei proprio dove trovare i soldi necessari.
Non voglio dire niente ai miei genitori, anzi a mia madre, visto che con mio padre sono mesi che non ho nessun tipo di rapporto (sono divorziati e lui si è risposato). Vi prego di darmi un consiglio

Carissima "Siena", credo che la cosa più sensata e utile da fare nel tuo caso sia affrontare un percorso psicoterapeutico.
E' vero che ha un costo, ma non tutti i terapeuti privati sono insensibili alle condizioni economiche dei pazienti: potresti tentare qualche colloquio e vedere se ti vengono incontro sul prezzo...e magari fare qualche sacrificio per riuscire ad affrontare la spesa. Non credo sia una cosa impossibile, devi solo darti da fare e consultare uno, o più, psicoterapeuti.
Esistono anche associazioni senza scopo di lucro o di altro tipo, che si occupano di questo tipo di problemi, ma non so darti maggiori indicazioni su Firenze.
Anche nelle ASL (in alcune almeno) si fa psicoterapia, e lì i costi sono assai bassi.
Purtroppo non credo di avere altri consigli utili da darti, al di là di libri sull'argomento da consultare, che comunque aumentano il grado di comprensione e consapevolezza delle problematiche psicologiche che sono alla base di un comportamento bulimico.
Ti invito, anzi ti esorto, a non "fasciarti la testa prima di averla sbattuta" e a darti da fare: approfitta di questo momento in cui hai deciso di affrontare i tuoi problemi, e non aspettare ancora.
La vita è tua, nelle tue mani, e devi trovare il modo di viverla al meglio e di sentirti libera. Capisco bene la tua esigenza di tutelare tua madre e tua nonna, ma questo non deve impedirti di tutelare anche te stessa.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Psicologia

La psicologia è una scienza che studia i processi psichici, consci e inconsci, cognitivi (percezione, attenzione, memoria, linguaggio, pensiero ecc.) e dinamici...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

News Letters