Pubblicità

Bulimia (066743)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 172 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Siena 24 anni, 22.09.2003

Salve, sono ormai 7 anni che soffro di bulimia. Nessuno, nè i miei familiari, nè i miei amici, nè tantomeno il mio ragazzo sanno che soffro di questa malattia.
Ho sempre avuto paura a rivelare la verità, soprattutto per non allarmare mia madre e mia nonna. Adesso la situazione è peggiorata, arrivo anche a fare 2 abbuffate al giorno e a indurmi il vomito di conseguenza.
Sono sempre più ansiosa e anche le mie condizioni fisiche peggiorano di giorno in giorno, soprattutto per il mal di stomaco, ma nonostante ciò non riseco a controllarmi.
Vivo da sola a Firenze, dove frequento l'università, in una casa che mi è stata comprata appositamente da mia madre, poichè la mia famiglia vive a Siena.
Adesso vorrei fare qualcosa, ma non so cosa. La terapia da uno specialista è molto costosa e non lavorando non saprei proprio dove trovare i soldi necessari.
Non voglio dire niente ai miei genitori, anzi a mia madre, visto che con mio padre sono mesi che non ho nessun tipo di rapporto (sono divorziati e lui si è risposato). Vi prego di darmi un consiglio

Carissima "Siena", credo che la cosa più sensata e utile da fare nel tuo caso sia affrontare un percorso psicoterapeutico.
E' vero che ha un costo, ma non tutti i terapeuti privati sono insensibili alle condizioni economiche dei pazienti: potresti tentare qualche colloquio e vedere se ti vengono incontro sul prezzo...e magari fare qualche sacrificio per riuscire ad affrontare la spesa. Non credo sia una cosa impossibile, devi solo darti da fare e consultare uno, o più, psicoterapeuti.
Esistono anche associazioni senza scopo di lucro o di altro tipo, che si occupano di questo tipo di problemi, ma non so darti maggiori indicazioni su Firenze.
Anche nelle ASL (in alcune almeno) si fa psicoterapia, e lì i costi sono assai bassi.
Purtroppo non credo di avere altri consigli utili da darti, al di là di libri sull'argomento da consultare, che comunque aumentano il grado di comprensione e consapevolezza delle problematiche psicologiche che sono alla base di un comportamento bulimico.
Ti invito, anzi ti esorto, a non "fasciarti la testa prima di averla sbattuta" e a darti da fare: approfitta di questo momento in cui hai deciso di affrontare i tuoi problemi, e non aspettare ancora.
La vita è tua, nelle tue mani, e devi trovare il modo di viverla al meglio e di sentirti libera. Capisco bene la tua esigenza di tutelare tua madre e tua nonna, ma questo non deve impedirti di tutelare anche te stessa.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

News Letters

0
condivisioni